venerdì 20 ottobre 2017

L'inquinamento uccide 9 milioni di persone all'anno


Articolo da PrimaDaNoi.it

ROMA. L'inquinamento non fa ammalare solo il Pianeta ma anche i suoi abitanti, al punto da causare una morte su sei a livello globale, provocando malattie tra le più disparate, da quelle cardiovascolari alle respiratorie, ai tumori, fino anche a gravi infezioni; il peso maggiore in termini di vite umane grava sulle spalle del Sud del Mondo. "Emesso" sulla rivista The Lancet, il grigio bollettino dell'inquinamento parla di 9 milioni di morti l'anno (dati relativi al 2015).

L'inquinamento atmosferico (esterno da smog, particolato presenti nell'aria e interno da uso domestico di combustibili fossili) è responsabile di 6,5 milioni di morti l'anno (in gran parte per malattie cardiovascolari e respiratorie); l'inquinamento idrico di 1,8 milioni di decessi annui (per infezioni gastrointestinali, parassiti, diarrea), l'inquinamento legato all'ambiente di lavoro (da tossine e sostanze chimiche cancerogene) 0,8 milioni di morti annui (specie per tumori).


Infine l'inquinamento da piombo è responsabile di mezzo milione di morti legati a ipertensione, insufficienza renale, malattie cardiovascolari.

Sono solo alcuni dei dati emersi da uno studio della Commission on Pollution and Health, un progetto biennale che ha coinvolto oltre 40 autori di vari paesi del mondo.

Usando dati del Global Burden of Disease, è emerso che la maggioranza dei decessi si colloca nel Sud del mondo in cui mediamente ogni 4 morti una è imputabile all'inquinamento, specie in paesi come India (che da sola conta 2,5 milioni di morti da inquinamento in un anno) e Cina (1,8 milioni), travolti da una rapidissima industrializzazione.


Le forme di inquinamento associate allo sviluppo industriale quali l'inquinamento atmosferico ambientale (incluso l'ozono), l'inquinamento chimico, occupazionale e del suolo fanno oggi più vittime che in passato: si è passati da 4,3 milioni nel 1990 a 5,5 milioni nel 2015.

Continua la lettura su PrimaDaNoi.it


Fonte: PrimaDaNoi.it


Autore: redazione PrimaDaNoi.it


Licenza: Creative Commons (non specificata la versione


Articolo tratto interamente da PrimaDaNoi.it



12 commenti:

  1. E' una triste e vera realtà. Buon pomeriggio cavaliere

    RispondiElimina
  2. Caro Vincenzo, queste notizie sono molto allarmanti!!!
    Ciao e buon fine settimana con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Purtroppo. Beati tutti coloro che vivono immersi nell'acqua aria pura.
    Buona serata.
    sinforosa

    RispondiElimina
  4. Uccide ma non si vede è questa la cosa che più mi lascia pensare

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questi dati confermano molti studi precedenti.

      Elimina
  5. Anche questi eventi per me fanno parte del cambiamento climatico in atto.
    Complimenti ti seguo sempre. Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono collegati, purtroppo l'uomo continua a non rispettare il pianeta.

      Elimina
  6. Mi chiedo se ci rendiamo veramente conto dei pericoli ai quali rischiamo in questo nostro monto inquinato da mille pericoli che si trascìna dietro migliaia di morti..
    Una cosa veramente inamissibile!
    Un abbraccio forte mio caro CAVALIERE amico

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.