giovedì 2 marzo 2017

La siepe s'è desta di Alfred de Musset


La siepe s'è desta

Nei boschi, da sera a mattina,
si schiudono fresche sorprese:
leggero sui prati cammina
Marzo, incantevole mese.
È già non più sonnolento
il rio, né risuona si dura
la terra: nel tiepido vento
già verzica la verzura.
Ancora non c'è l'usignolo
ricolmo di note e di trilli,
ma lungo le prode e nel brolo
già fremono e ciarlano i grilli.
E, guarda, la siepe s'è desta
coperta di fiori, odorosa:
il pesco s'ammanta di festa
schiudendo i suoi petali rosa.
C'è pioggia, c'è vento, c'è sole:
è marzo, ogni cosa ha un incanto;
è marzo, che piange e non vuole,
che mostra il sorriso tra il pianto.

Alfred de Musset


3 commenti:

  1. Che bella!
    Grazie Vincenzo, buona giornata!

    RispondiElimina
  2. Poesia imparata nei miei anni da scolara e riproposta nei miei anni da insegnante, molto volte. E' sempre bello rileggerla, credo di saperla quasi a memoria. Buona giornata

    RispondiElimina
  3. Meravigliosa questa poesia Vincenzo - non la conoscevo.
    Grazie per averla pubblicata :-) <3
    Buona giornata a te, migliore fine settimana in arrivo ed ottimo mese di Marzo appena iniziato

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.