giovedì 2 marzo 2017

Intervista a Stefania del blog Odore intenso di carta


Vi avevo preannunciato un ritorno alle interviste e riparto con Stefania del blog Odore intenso di carta; buona lettura.


Com'è nato il tuo blog?

Volevo condividere i miei pensieri “libreschi” e inoltre, desideravo confrontarmi con i NON-lettori. Sí, proprio cosí.  Volevo capire se davvero il poco tempo e la stanchezza fossero dei reali impedimenti. Ho potuto constatare, ahimé, che sono delle scuse…purtroppo non si ha proprio voglia di leggere e la si ritiene una cosa inutile.  Non demordo, però! Cerco di incuriosire chi è lontano dal mondo dei libri.

Nel tuo spazio c’è ampio risalto ai libri e alla lettura, in Italia si legge ancora?

In Italia si legge poco, secondo gli ultimi dati Istat il 41% circa lo fa. Ma ciò che mi ha sconvolto è quel 10% che non possiede alcun libro a casa...

Cosa pensi degli e-book?

A questa domanda rispondo con un libro scritto tempo fa da Carrere ed Eco “Non sperate di liberarvi dei libri”. Gli e-book possono essere un supporto, certo, comodo, pratico, leggero…ma il cartaceo ha ancora presa soprattutto  gli illustrati, non c'è e-pub che tenga!

Un libro che ti è rimasto nel cuore.

La storia infinita di Ende: avvincente, ben strutturato, un libro che fa riscoprire l'essenzialità e la bellezza del cuore.  Non ha niente a che fare con il film. Pensa che lo scrittore intentò una causa per i diritti…la perse, purtroppo aveva firmato. 

Gli ultimi libri letti.

La passione ribelle di Paola Mastrocola – L’arminuta di Donatella di Pietrantonio – Il gusto proibito dello zenzero di Jamie Ford.

La cultura viene valorizzata abbastanza nel nostro paese?

Nonostante le pessime figure a livello mondiale che noi italiani facciamo, sono ottimista: con l’ App 18 (che permette ai neo maggiorenni di comprare libri attraverso un bonus di 500euro), molti sono tornati ad acquistarli (io lavoro in libreria) E poi c'è il programma di  Augias “Quante storie” che viene preso in considerazione dai giovani. Comunque, vi consiglio un libro “La cultura si mangia” di Arpaia. Io, nel mio piccolo, ho agito: ho cercato di farlo girare attraverso il webookcrossing (i riferimenti sono sul blog). Leggetelo!

Consiglia un libro agli amici del blog.

Per chi ama leggere e non si spaventa della quantità di pagine consiglio Shantaram e per chi va di fretta consiglio qualsiasi libro dello scrittore Luca Bianchini.


Quali progetti per il futuro?

Giovani, ragazzi, bambini… in cantiere tanti laboratori e letture animate. Iniziative che facciano scoprire l’importanza della “lettura indipendente”. E poi mi è stato chiesto, da alcune insegnanti e mamme, di tenere degli incontri sulla lettura ad alta voce e sull’editoria per ragazzi, su come orientarsi. Ed ancora tante altre cose, ad esempio su come i libri curino le ferite del cuore e della mente. Per il maggio dei libri 2017 sarò presente, bello il claim: “Leggiamo insieme” inizierà il 23 aprile e terminerà il 31 maggio.


Ringrazio Stefania per la sua disponibilità e per il tempo che mi ha concesso.

Se qualcuno è interessato per un'intervista, basta contattarmi via e-mail, cliccando sul banner "Contatti".


10 commenti:

  1. Molto interessante, amo leggere e vado subito a trovare Stefania!
    Buona giornata
    Carmen

    RispondiElimina
  2. Molto interessante, caro Vincenzo.
    Ciao e buona giornata caro amico con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Amo leggere! Sono curiosa e sempre alla ricerca di autori nuovi e non mi importa che siano o no famosi.
    Arrivo, Stefania!

    RispondiElimina
  4. Bella intervista... volevo chiedere a Stefania se conosceva La nave di Teseo di V.M. Straka.. un fantastico libro inebookabile!

    RispondiElimina
  5. Interessante, una blogger che non conoscevo. La seguirò per scoprire di più. grazie Vincenzo. Complimenti, ovviamente, anche a Stefania.

    RispondiElimina
  6. Condivido il parere sugli e-book, che, anche se sono comodi e permettono a molti alberi di sopravvivere, non soppianteranno mai i libri di carta ... almeno per me. Interessante intervista, spero lo sia anche il suo blog ...

    RispondiElimina
  7. Bella intervista ....... blog carinissimo sono appena andata a curiosare e siccome amo molto i libri e la lettura sono diventata una follower di Stefania. Grazie per averla intervistata ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. P.S. Anche io sono per i libri cartacei.
      Quantunque non si possa negare che gli e-book hanno alcuni vantaggi rispetto ai cari vecchi libri io preferisco sempre gli originali.
      Certo gli e-book si portano dappertutto senza fare troppa fatica ed occupano pochissimo spazio, quello dell'e-reader ma spesso non è comodo leggerli a volte hanno caratteri troppo piccoli e comunque richiedono energia elettrica per ricaricare l'e-reader.
      Il vecchio libro cartaceo è sempre meglio - leggere un libro vero è tutta un'altra cosa ..... a partire dall'odore di libro nuovo ..... fino al contatto con lo stesso

      Elimina
  8. Una interessante intervista che ci ha fatto conoscere meglio Stefania e il suo bel blog dedicato alla lettura, che comunque seguo già da diverso tempo.

    RispondiElimina
  9. "I libri curano il cuore le ferite del cuore e della mente", concordo. Intervista ad effetto: vado a visitare il blog di Stefania.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.