domenica 4 giugno 2017

Torino, panico in piazza San Carlo oltre 1500 feriti




Ieri sera a Torino in piazza San Carlo, durante la proiezione della finale di Champions League tra Juventus e Real Madrid, ci sono stati attimi di paura e terrore. Un forte rumore generato da un petardo o il crollo di una ringhiera, ha dato il via a un fuggi fuggi generale, presi dalla psicosi e la paura di un attentato e con molte persone rimaste schiacciate dalla calca impaurita. 

Il bilancio finale parla 1.527 persone rimaste ferite, la maggior parte, già dimessa dai vari ospedali del capoluogo torinese per tagli superficiali.  Purtroppo c'è da segnalare le condizioni critiche di tre tifosi ancora ricoverati in codice rosso: una ragazza di 27 anni, una di 64 e un bambino di 7 anni in terapia intensiva per trauma al torace.


La procura di Torino ha avviato un'indagine per fare luce sulle cause e sulle eventuali responsabilità.


Video credit sirio16 caricato su YouReporter


10 commenti:

  1. Che cosa vergonosa ... con tutti i soldi che girano nel mondo pallonaro, manco un po' di prevenzione fanno.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alcune lacune sono saltate fuori, tipo le vie di fuga e subito mi è tornato in mente la tragedia dell'Heysel .

      Elimina
    2. Ricordo terribile quello Vincenzo. che non si ripeta mai più!
      Ieri sera è stata una tragedia sfiorata.mi spiace tanto per i feriti ma forse poteva andarepeggio.
      Follia! Ormaici governa la follia

      Elimina
  2. In effetti vi erano bottiglie che non dovevano esserci, ma ma bisogna tener conto dell'effetto pecora delle grandi masse, sopratutto in un periodo di psicosi da paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono brutti periodi e basta poco per generare paura.

      Elimina
  3. Oddio.. le vie di fuga in quella piazza sono solo due.. non è che potevi buttare giù i palazzi.. piuttosto, c'è da constatare come al solito la nostra atavica arretratezza; a Madrid hanno predisposto schermi giganti al centro dello stadio e tutti si sono riuniti come per una partita dal vivo. Da noi non ci si arriva. Tra un po' solo in Italia resisteranno ancora barriere tra campo e spalti durante una partita di calcio... siamo così selvaggi che di soluzioni "europee" neanche se ne parla...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In Italia c'è anche poca cultura sportiva e con tanti spazi a Torino, si doveva evitare piazze senza vie di fuga.

      Elimina
  4. Oltre 1000 feriti a Torino sembrerebbe per lo scoppio di uno di quei petardi che anche quando li senti allo stadio fai un balzo come se davvero fosse una bomba. Ora, attendiamo le indagini ma se così fosse chi ha permesso che un petardo simile entrasse nella piazza? Domanda retorica, le forze dell'ordine,

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non è facile controllare una piazza pubblica e come ha detto Franco, si poteva benissimo usare lo stadio.

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.