mercoledì 28 giugno 2017

Proverbio del giorno


Prendi tempo per riflettere: è la sorgente della forza.


In Italia è allarme siccità



Articolo da Tekneco

Per trovare un giugno così caldo bisogna andare molto indietro nel tempo. Stiamo, infatti, vivendo la seconda primavera più torrida dal 1800.

A livello nazionale le temperature massime sono superiori di 2,2 gradi rispetto alla media del periodo, e questo ha generato un calo nelle precipitazioni (addirittura meno 52%) facendo esplodere il problema della siccità.  

Fiumi prosciugati (il livello del Po è sceso di 2,56 metri), terre aride, produzioni dimezzate di ortaggi e difficoltà nel nutrire gli animali da allevamento. Il cambiamento climatico non risparmia nulla. E, i numeri forniti da Coldiretti, costruiscono un quadro drammatico.

“Se al nord la temperatura massima è stata di 23,2 gradi (+2,7 rispetto alla media) e le precipitazioni in calo del 51,6%, nel centro Italia - scrive Coldiretti - la colonna di mercurio massima è salita a 24,6 gradi con uno scarto di +2,6 mentre il deficit idrico è stato addirittura dell’85% e nel sud e isole si è registrato un massimo di 27 gradi con una anomalia di 1,8 gradi e la caduta del 64,6% di pioggia in meno. Si aggrava dunque una situazione già difficile con una primavera climatologica che è stata la seconda più calda dal 1800 ad oggi”.

Nell’Italia a secco si moltiplicano anche gli incendi: “Sono state già 15 le richieste di intervento aereo alla protezione civile, il numero più elevato degli ultimi dieci anni per il periodo considerato”.

Caldo che colpisce tutti i settori, compreso quello agricolo. Nei campi gli agricoltori sono costretti all’irrigazione di soccorso per mettere in salvo le proprie produzioni. Nel mirino anche i prodotti dell’eccellenza italiana, quelli del “made in Italy”, come la mozzarella di bufala campana: “In Campania nel Cilento, nell’Alento e nella piana del Sele, ci sono problemi per gli ortaggi e la frutta, ma anche per la mozzarella di bufala perché la mancanza di acqua mette in crisi allevamenti e caseifici”.

Dal Veneto alla Lombardia, dalla Calabria alla Sicilia, dal Piemonte alla Puglia, la siccità ha colpito in modo omogeneo tutta la penisola compresa l’Emilia Romagna che ha, addirittura, chiesto al Governo lo stato di emergenza.

“Di fronte alla tropicalizzazione del clima - conclude Coldiretti - se vogliamo continuare a mantenere l’agricoltura di qualità, dobbiamo organizzarci per raccogliere l’acqua nei periodi più piovosi con interventi strutturali che non possono essere più rimandati. Occorrono interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, creando bacini aziendali e utilizzando le ex cave e le casse di espansione dei fiumi per raccogliere acqua”.

Coldiretti stima che le perdite subite nella prima parte del 2017 siano già pari ad un miliardo di euro.

Continua la lettura su Tekneco

Fonte: 
Tekneco

Autore: 


Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 2.5 Italia


Articolo tratto interamente da 
Tekneco 


Panorama di Firenze

4K Timelapse Panorama and the great architecture of Florence, Tuscany, Italy from Olivier COISSARD on Vimeo.

Photo e video credit Olivier COISSARD caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons


Architettura romanica nella provincia di Segovia (Spagna)

ROMANICO RURAL SEGOVIANO 4K from Javier Angel Lopez on Vimeo.

Photo e video credit Javier Angel Lopez caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons 


martedì 27 giugno 2017

Marina di Arthur Rimbaud


Marina

I carri d'argento e di rame -
Le prue d'acciaio e d'argento -
Battono la schiuma, -
Sollevano i ceppi dei rovi.
Le correnti della landa,
E i solchi immensi del riflusso,
Filano circolarmente verso est,
Verso i pilastri della foresta, -
Verso i fusti del molo,
Il cui angolo è investito da turbini di luce.


Arthur Rimbaud


Citazione del giorno


"Chiunque distrugge un pregiudizio, un solo pregiudizio, è un benefattore dell'umanità."

 Nicolas Chamfort 


Vi consiglio di leggere questo post!

Oggi ricordiamo la strage di Ustica, troppi segreti e vicenda ancora poco chiara. Vi consiglio di leggere i versi di Daniele, che devono portare a una seria riflessione.

Link diretto: http://agoradelrockpoeta.blogspot.it/2017/06/langolo-del-rockpoeta-ustica-37-anni.html




lunedì 26 giugno 2017

Angolo musicale di PG: i Northern Kings


Angolo curato e gestito da PiGreco

Un saluto a tutti gli amici di Web sul Blog e bentornati nell'Angolo Musicale di PG ^_^

Questa volta vorrei "alzare un po' l'asticella" proponendovi i Northern Kings, band finlandese i cui componenti arrivano da altri gruppi più o meno conosciuti nell'ambiente: Jarkko Ahola (Ahola, Teräsbetoni, Dreamtale), Marco Hietala (Tarot, Nightwish, Delain), Tony Kakko (Sonata Arctica) e Juha-Pekka Leppäluoto (Charon).


Nel 2007 questi 4 artisti decidono di riunirsi e svagarsi realizzando album di cover, ma a loro modo, ovviamente. Il primo singolo estratto dal loro primo album (Reborn) è il brano We Don't Need Another Hero, famosa per essere il tema principale del film Mad Max - Oltre la sfera del tuono, cantata nella versione originale da Tina Turner (presente anche nel cast del film), di cui vi lascio il video QUI, tanto per assaporare il confronto.

Nei soli 2 album realizzati da questo gruppo fino a oggi, ce n'è per tutti i gusti visto che hanno "coverizzato" bellissime hit di: Billy Idol, David Bowie, Peter Gabriel, Phil Collins, Radiohead, Lionel Richie, Dire Straits, Bon Jovi, Duran Duran, Prince, Frank Sinatra, Depeche Mode, a-ha, Kylie Minogue, Michael Jackson, e tanti altri.


Oggi vi consiglio l'ascolto di Kiss From A Rose, primo singolo estratto dal loro secondo album (Rethroned). La versione originale di Seal, contenuta nella colonna sonora di Batman Forever, è una canzone già davvero bellissima di suo, ma, parafrasando proprio il titolo dell'album dei Re del Nord, in questa nuova versione viene messa di nuovo sul trono.
Spero vivamente che questa proposta non vi dispiaccia: sono abbastanza convinto che le good vibrations che ci può comunicare la musica siano a prescindere dal genere.

Il tormentone della rubrica:
Commentate e condividete!
Condividete e commentate!
Alla prossima \(^-^)/

Questo post, fa parte dell'iniziativa gli angoli. Se anche tu, vuoi avere uno spazio fisso in questo blog, clicca qui.


Prevedo la spoliticizzazione...



"Prevedo la spoliticizzazione completa dell'Italia: diventeremo un gran corpo senza nervi, senza più riflessi. Lo so: i comitati di quartiere, la partecipazione dei genitori nelle scuole, la politica dal basso. Ma sono tutte iniziative pratiche, utilitaristiche, in definitiva non politiche. La strada maestra, fatta di qualunquismo e di alienante egoismo, è già tracciata. Resterà forse, come sempre è accaduto in passato, qualche sentiero: non so però chi lo percorrerà, e come."

Pier Paolo Pasolini




Vi ricordo la pagina ufficiale Facebook di questo blog


Vi prego di far girare e conoscere questa pagina. Grazie a tutti del vostro sostegno.
Posted by web sul blog on Domenica 12 aprile 2015



sabato 24 giugno 2017

Citazione del giorno



"Nessuno muore sulla terra finché vive nel cuore di chi resta."

Anonimo


Pollice su e giù della settimana


Imperia, le ragazze del “Setterosa” salvano bagnanti in difficoltà tratto da Riviera24.it





Cina, frana su villaggio: si temono oltre 100 morti tratto da Adnkronos







Addio a Stefano Rodotà

Stefano Rodotà

Articolo da PrimaDaNoi.it

ROMA. È morto a Roma, a 84 anni e dopo una breve malattia, il giurista ed ex parlamentare Stefano Rodotà. Dal 1997 al 2005 è stato il primo Presidente del Garante per la protezione dei dati personali. Fu eletto deputato per la prima volta nel 1979 come indipendente nelle liste del Partito comunista italiano. Rodotà è stato anche candidato per l'elezione del Presidente della Repubblica Italiana del 2013. Votato dal Movimento 5 Stelle, che lo aveva proposto dopo una consultazione in rete tra i suoi iscritti, da Sinistra Ecologia Libertà e da alcuni parlamentari del Partito democratico. Entrò in partita con Giorgio Napolitano che alla fine la spuntò ottenendo il secondo mandato al Quirinale.
La politica lo ricorda e lo omaggia trasversalmente.

Nato nel 1933 a Cosenza da una famiglia originaria di San Benedetto Ullano, si iscrive al partito Radicale di Mario Pannunzio, e rifiuta nel 1976 e nel 1979 la candidatura nel Partito Radicale di Marco Pannella. È eletto deputato nel 1979 come indipendente nelle liste del Partito Comunista Italiano, diventando membro della Commissione Affari Costituzionali. Nel 1983 viene rieletto e diventa presidente del gruppo parlamentare della Sinistra Indipendente. Deputato per la terza volta nel 1987, viene confermato nella commissione Affari Costituzionali e fa parte della prima Commissione bicamerale per le riforme istituzionali. Nel 1989 è nominato Ministro della Giustizia nel governo ombra creato dal PCI di Achille Occhetto e successivamente, dopo la svolta della Bolognina, aderisce al Partito Democratico della Sinistra, del quale sarà il primo presidente del Consiglio nazionale, carica che ricoprirà fino al 1992. Nell'aprile del 1992 torna alla Camera dei deputati tra le file del PDS, viene eletto vicepresidente.

Dal 1983 al 1994 è stato membro dell'Assemblea Parlamentare del Consiglio d'Europa. Sempre in sede europea partecipa alla scrittura della Carta dei diritti fondamentali dell'Unione europea.



Continua la lettura su PrimaDaNoi.it


Fonte: PrimaDaNoi.it


Autore: redazione PrimaDaNoi.it


Licenza: Creative Commons (non specificata la versione


Articolo tratto interamente da PrimaDaNoi.it




Photo credit Niccolò Caranti (Commons) [CC BY-SA 3.0], via Wikimedia Commons


giovedì 22 giugno 2017

Campagna contro l'abbandono dei cani e degli altri animali


Ogni anno una piaga non cessa mai di finire: l'abbandono dei cani e degli altri animali d'affezione. 

Questo problema si accentua proprio nel periodo estivo, quando la partenza per le vacanze pone il problema della presenza di un quattro zampe.

Voglio ricordare che l'abbandono è vietato ai sensi dell'art. 727 del codice penale, che al primo comma recita: "Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro."

Inoltre, secondo il Ministero della Salute italiano, «chi abbandona un cane, dunque, non solo commette un illecito penale (Legge 20 luglio 2004, n. 189), ma potrebbe rendersi responsabile di omicidio colposo», quando gli animali abbandonati provocassero incidenti stradali mortali.

Solo una persona senza cuore può abbandonare il nostro migliore amico e ricordatevi che un animale non è un peluche, ma un essere vivente e con un cuore grande.


"L'abbandono di un animale è un atto crudele e degradante."

Dichiarazione universale dei diritti dell'animale




Video credit Nicola Persico caricato su YouTube


Come dormire bene quando fa caldo



Articolo da WikiHow

Quando fuori fa caldo e non hai l'aria condizionata, conciliare il sonno può essere difficile. Per fortuna, esistono dei metodi per rinfrescarti abbastanza da permetterti di appisolarti e avere un buon sonno ristoratore.

Prepararsi per Andare a Letto


Smetti di fare attività fisica qualche ora prima di andare a letto. Quando fai sport, aumenti la temperatura corporea e trattieni calore. Allenarti diverse ore prima di andare a dormire darà al corpo il tempo di raffreddarsi [1].
  • Dovresti anche bere tanta acqua nel corso della giornata per mantenerti idratato.
Fai una doccia o un bagno moderatamente caldo. Non fare una doccia molto fredda, perché può avere un effetto controproducente. La temperatura corporea infatti può alzarsi per contrastare l'azione dell'acqua fredda. Invece, fai una doccia tiepida [2].
  • Puoi anche mettere in ammollo mani e piedi nell'acqua tiepida. Le mani e i piedi sono i tuoi "radiatori", ovvero le parti del corpo che tendono a riscaldarsi. Rinfrescarle immergendole nell'acqua tiepida regolerà la temperatura corporea e ti darà refrigerio.
Cerca un punto fresco e buio in cui dormire, possibilmente a piano terra o in una cantina. Il calore si muove verso l'alto, quindi trova un posto a diretto contatto con il suolo, come il pavimento della tua camera da letto, il piano terra o la cantina della tua casa [3].

 Sostituisci lenzuola e coperte pesanti con quelle più leggere. Togli i protettori e i coprimaterassi spessi, che trattengono calore, e tutte le coperte o i piumoni pesanti. Utilizza biancheria da letto più fresca, come lenzuola e coperte di cotone leggero [4].
  • Le stuoie di paglia o bambù sono altrettanto utili per stare fresco di notte. Non trattengono il calore corporeo e non ti fanno surriscaldare. Puoi creare un letto con un tappetino di bambù sul pavimento della tua camera per avere un punto alternativo al classico materasso.
Metti la biancheria da letto nel freezer. Infila federe di cuscini, lenzuola e coperte nel freezer per 30 minuti prima dell'ora in cui pianifichi di andare a letto. Una volta che li avrai ricollocati al proprio posto, dovrebbero rimanere abbastanza freschi per 30-40 minuti, il tempo necessario per addormentarti[5].
  • Evita di bagnare la biancheria da letto o dormire su lenzuola impregnate di acqua. Non immergere i calzini nell'acqua fredda per poi indossarli per andare a dormire, e non usare una maglietta bagnata. Portare qualcosa di bagnato in camera o indossarlo non farà che intrappolare dell'umidità densa nella stanza e causare fastidio[6].
Apri le finestre. Un'ora prima di andare a letto, apri le finestre della camera per aumentare la circolazione dell'aria e rinfrescarla. Tuttavia, dovresti chiuderle prima di addormentarti per evitare di far raffreddare lo spazio durante la notte[7].
  • Quando dormi, la temperatura corporea raggiunge il punto più basso intorno alle tre di notte. A quest'ora, anche la temperatura esterna si abbassa. Se ti addormenti con le finestre aperte, i muscoli del collo e della testa possono irrigidirsi involontariamente a causa del brusco calo di temperatura, facendoti svegliare.
  • Tieni le finestre, le tende a rullo e le tapparelle chiuse durante il giorno per evitare di far riscaldare la stanza.
Dormi indossando vestiti di cotone. Magari hai la tentazione di spogliarti del tutto per trovare un po' di refrigerio, ma dormire nudo può farti avvertire di più il caldo, perché non permette all'umidità di evaporare tra il corpo e la superficie di appoggio. Preferisci indumenti di cotone, evita le fibre sintetiche, come il nylon, e la seta, perché non fanno respirare la pelle e possono farti sentire ancora più caldo[8].

Passa un panno umido su viso, mani e piedi. Tieni un panno o un asciugamano umido sul comodino per bagnare il viso o le braccia di notte. Evita però di andare a dormire con la pelle bagnata. Una volta che avrai passato il panno, tampona la pelle con un asciugamano pulito prima di addormentarti [9].
  • Puoi anche comprare asciugamani speciali composti da fibre che favoriscono l'evaporazione, trattengono l'acqua e rimangono asciutti al tatto. Ti rinfrescheranno senza bagnare la pelle[10].
Lascia i polsi o la parte interna delle braccia sotto l'acqua fredda di rubinetto per 30 secondi. In queste parti del corpo il sangue scorre più vicino alla superficie cutanea. Metterle sotto il getto di acqua fredda per un minuto raffredderà il sangue, rinfrescando l'intero corpo [11].

Continua la lettura su WikiHow

Fonte: WikiHow

Autori: WikiHow

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported

 

Articolo tratto interamente da WikiHow


Proverbio del giorno



Quando c’è una meta, anche il deserto diventa strada.

Proverbio Tibetano


mercoledì 21 giugno 2017

Nelle azzurre sere d’estate di Arthur Rimbaud


Nelle azzurre sere d’estate

Nelle azzurre sere d’estate, me ne andrò per i sentieri,
graffiato dagli steli, sfiorando l’erba nuova:
trasognato, ne sentirò la frescura sotto i piedi,
e lascerò che il vento mi bagni la testa nuda.
Non parlerò, non penserò a niente:
Ma l’amore infinito mi salirà nell’anima,
E andrò lontano, molto lontano, come uno zingaro.


Arthur Rimbaud

L’uomo...



"L’uomo attraversa il presente con gli occhi bendati. Può al massimo immaginare e tentare di indovinare ciò che sta vivendo. Solo più tardi gli viene tolto il fazzoletto dagli occhi e lui, gettato uno sguardo al passato, si accorge di che cosa ha realmente vissuto e ne capisce il senso."


Milan Kundera




Praga in timelapse & hyperlapse

A Glass of Prague. Timelapse & Hyperlapse. Czech Republic from Kirill Neiezhmakov on Vimeo.

Photo e video credit Kirill Neiezhmakov caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons


Lisbona

Lisbon Portugal in Cinematic High Definition from Justin Poore on Vimeo.

Photo e video credit Justin Poore caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons


martedì 20 giugno 2017

Comunicazione ai lettori di questo blog



Voglio scusarmi con gli amici e lettori di questo spazio, per la mia assenza improvvisa e la mancata pubblicazione dei vostri commenti. Purtroppo in questi giorni un lutto ha colpito la mia famiglia, dopo una lunga agonia, mio suocero ci ha lasciato. Vorrei spendere due parole su di lui, una persona forte e decisa che ha lottato contro ben cinque tumori dal 1994, senza mai arrendersi e senza tralasciare i suoi doveri di marito, padre e nonno, che svolgeva con piacere e amore. Domenica ci ha lasciato, ormai il suo corpo era scalfito da tanta sofferenza e agonia, ma sicuramente il suo ricordo vivrà in eterno.

Voglio terminare, pubblicando un breve pensiero, scritto da mia figlia e dedicato a suo nonno:


Caro nonno sei l'uomo più forte che io abbia conosciuto, hai lottato contro molte malattie, affrontandole con un sorriso. Anche se non sarai realmente sulla terra, avrai sempre un posto nel nostro cuore.





sabato 17 giugno 2017

Angolo musicale di PG: vi ricordate i Dhamm


Angolo curato e gestito da PiGreco

Un saluto a tutti gli amici di Web sul Blog e bentornati nell'Angolo Musicale di PG ^_^

In questo nuovo appuntamento vorrei proporvi i Dhamm, band romana nata nel 1994.

La loro carriera parte col botto: vincendo Sanremo Giovani nel 1994 con il brano Irene, conquistano l'accesso al Festival dell'anno successivo e ottengono un buon piazzamento con il brano Ho bisogno di te***.
Vuoi per l'aspetto (capelloni "belli e dannati"), vuoi per le sonorità (una proposta rock molto simile ai Bon Jovi***), vuoi per la "novità" in un ambiente italo-musicale non troppo originale, i Dhamm hanno avuto un discreto successo con il loro album d'esordio.
Purtroppo detto successo non è durato, tant'è che già il secondo album, sebbene in linea con il primo, non ebbe il riscontro sperato.
Non mi dilungo oltre sulla loro storia (vari cambiamenti di formazione, del nome del gruppo, reunion, progetti paralleli), anche perché ho smesso di seguirli proprio in quel periodo.
Riprendo gli asterischi: provate ad ascoltare Always dei Bon Jovi e vi domanderete se è nato prima l'uovo o la gallina :P

Oggi vi consiglio l'ascolto di Tra cielo e terra, titolo dell'omonimo secondo album. Questo brano è entrato nel cuore di tanti fan per essere stato utilizzato come sigla iniziale dell'anime Street Fighter II V, assieme a E pace sarà usato come sigla finale.

Il tormentone della rubrica:
Commentate e condividete!
Condividete e commentate!
Alla prossima \(^-^)/

Questo post, fa parte dell'iniziativa gli angoli. Se anche tu, vuoi avere uno spazio fisso in questo blog, clicca qui.


venerdì 16 giugno 2017

In Italia scoppia il caso ius soli: cosa prevede il nuovo disegno di legge sulla cittadinanza?


Articolo da Progetto Melting Pot Europa 

La discussione in Senato sul Ddl (disegno di legge N.d.A.) che modifica la legge n. 91 del 1992 sulla cittadinanza si è risolta con urla, spintoni, contusi e corse in infermeria in quello che è ormai uno scenario tristemente noto della politica italiana su argomenti caldi e controversi.
Il dibattito ha dato luogo a veri e propri episodi di violenza, con la ministra della scuola Valeria Fedeli medicata nell’infermeria del Senato e il Capo Gruppo Lega Nord Gian Marco Centinaio contuso per essersi aggrappato ai banchi del governo. Questo successivamente allo scontro tra il Presidente del Senato Grasso, offeso dal senatore della Lega Raffaele Volpi (poi a rischio di espulsione, ma graziato) per aver dato la parola al relatore Salvatore Torrisi anziché a Roberto Calderoli.

Le reazioni della politica


La bagarre in aula, nonché le proteste della Lega a suon di cartelli (“No Ius Soli”, “Prima gli italiani”, “Stop all’invasione”) e le manifestazioni fuori da Palazzo Madama, dimostrano come l’argomento sia tuttora complesso. “Indecente la bagarre della Lega e il silenzio complice di M5S mentre incardiniamo lo Ius soli. Che tristezza anteporre la ricerca del consenso alla civiltà", ha affermato in un Twitter la ministra per i Rapporti con il Parlamento Anna Finocchiaro, sottolineando come l’astensione del Movimento 5 Stelle potesse essere visto come un vero e proprio atto di complicità, poiché in Senato l’astensione vale voto contrario. Beppe Grillo aveva già annunciato con forza l’astensione del movimento sul suo blog, sottolineando come: “discutere di Ius Soli oggi avrà come unica conseguenza che il dibattito pubblico, su un tema così delicato, sarà deviato ed inquinato da becere derive propagandistiche, sia di destra che di sinistra, sventolato come un vessillo per radunare le proprie truppe e accusare gli avversari con motivazioni contrapposte, ma per nulla meditate e razionali”. Il movimento ha poi ribadito la sua astensione in aula, attraverso la voce del senatore Maurizio Buccarella che ai cronisti ha detto: “Noi manteniamo un approccio pragmatico, non ci opponiamo a nulla. Alla Camera ci siamo astenuti. Al Senato, salvo modifiche del testo, contiamo, al momento di mantenere, la posizione di astensione. Noi dobbiamo essere coerenti col nostro messaggio pragmatico, ma neanche dobbiamo avere l’ingenuità di cadere come pere mature in una trappola mediatica".
Dall’altra parte, il segretario della Lega Matteo Salvini ribatte, su Facebook: "I senatori della lega in aula stanno facendo di tutto, occupando i banchi del governo, facendosi espellere e malmenare dai commessi, per bloccare la folle legge voluta dal Pd, in base alla quale per il solo fatto di essere nati qui automaticamente si diventa cittadini italiani. La cittadinanza va desiderata, e conquistata! noi non molliamo!”, probabilmente anche come risposta al Capogruppo del Partito Democratico Luigi Zanda che, all’avvio della discussione, aveva detto: "Non parliamo solo di dare cittadinanza a bambini che sono nati in Italia, ma a ragazzi che hanno vissuto, studiato e sono cresciuti in Italia. Abbiamo il dovere di approvare questa legge perché le persone cui ci rivolgiamo sono italiani e per questo hanno diritto ad avere cittadinanza".

Proteste e manifestazioni a Palazzo Madama


Intanto che in Senato si discuteva sul disegno di legge, davanti Palazzo Madama militanti di Forza Nuova e CasaPound hanno dato via a un corteo che ha visto crescere la tensione tra i militanti e le forze dell’ordine. Gli attivisti di estrema destra si sono mossi da Palazzo Madama fino a Castel Sant’Angelo, levando tricolori e bandiere di Forza Nuova, sventolano cartelli con le foto di alcuni terroristi e la scritta “Grazie Ius Soli”, insultando il presidente della Camera Laura Boldrini e alzando il braccio per fare il saluto romano.
Le forze dell’ordine ha fermato e identificato circa 50 persone appartenenti a Forza Nuova, denunciati per manifestazione non autorizzata, apologia del fascismo, resistenza e violenza a pubblico ufficiale.

Un passo indietro


Già ormai quasi due anni fa (13 ottobre 2015 N.d.A.), il Ddl era passato alla Camera tra forti proteste, primi su tutti la Lega, il cui vicepresidente Calderoli prometteva su Facebook: “… aspettiamo al varco questa vergogna in Senato, faremo di tutto per impedire l’ennesimo sfregio alla Costituzione, con il quale qualcuno vuole garantirsi una nuova base elettorale, dopo aver ingannato con false promesse i veri cittadini”. Tuttavia, il testo era stato approvato con ben 310 sì, a fronte dei 66 voti contrari, con il plauso di tutto il Partito Democratico. A fare da portabandiera degli 88 astenuti era ancora una volta il Movimento 5 Stelle, che accusava il Ddl di essere una truffa semantica del governo PD che creava altra diversità e non contribuiva a semplificare le cose.
E se Fratelli d’Italia aveva votato compatto per il no sotto l’egida di Giorgia Meloni e un suo post su Facebook nel quale dichiarava: “La geniale soluzione della sinistra per integrare gli immigrati: regalare la cittadinanza e svendere la nostra identità, la nostra storia e la nostra cultura. Per noi la cittadinanza non può essere un automatismo, ma una scelta che deve essere richiesta e celebrata. Diventare cittadino italiano non può essere un fatto burocratico, ma un atto d’amore”, decidendo di attuare una raccolta firme per cancellare il disegno di legge con un referendum abrogativo; Forza Italia si è ritrovato spaccato in due, con la decisione di Renata Polverino di votare sì, nonostante il voto negativo del proprio partito.

L’attuale disciplina: cittadinanza per diritto dopo i 18 anni di età


L’attuale legge sulla cittadinanza – legge n. 91 de 1992 – prevede lo Ius Sanguinis, ossia l’acquisizione della cittadinanza per diritto di sangue. Questo significa che sono da considerarsi cittadini italiani coloro che discendono, a loro volta, da cittadini italiani. Lo Ius Sanguinis, in vigore in tutti i paesi dell’UE, si contrappone allo Ius Soli che prevede l’acquisizione della cittadinanza per nascita sul territorio, come avviene per esempio negli Stati Uniti.
Al di là di casi particolari come quello dell’apolidia, la normativa vigente prevede l’ottenimento della cittadinanza per gli stranieri al raggiungimento della maggiore età, ma solo previa residenza continuativa e legale sul territorio fino a quel momento e la dichiarazione volontaria di volerla acquisire (entro un anno dalla maggiore età). Da un certo punto di vista è possibile sottolineare che il nuovo disegno di legge preveda addirittura criteri più astringenti della norma in vigore, in quanto i requisiti richiesti sarebbero una maggiore garanzia rispetto alla nascita o alla sola residenza sul territorio.

Il disegno di legge


Cosa prevede il disegno di legge che ha seminato tanta discordia nella politica italiana? Innanzitutto, preme sottolineare che il disegno di legge prevede uno Ius Soli temperato e non uno Ius Soli tout court su modello americano.
Questo significa che la legge sottoporrebbe l’acquisizione della cittadinanza a un parametro di tipo familiare e non solo territoriale. Infatti, è consentito richiedere la cittadinanza ai minorenni nati sul territorio italiano da genitori stranieri, a patto che “almeno uno dei due sia titolare del diritto di soggiorno permanente ai sensi dell’art.14 del decreto legislativo 6 febbraio 2007 n. 30, o sia perlomeno in possesso del permesso di soggiorno UE per soggiornanti di lungo periodo, di cui all’art. 9 del decreto legislativo 27 luglio 1998 n. 286”.
Questo vuol dire che la cittadinanza potrà essere acquisita dai minori stranieri nati in Italia solo se almeno uno dei due genitori è in possesso di un permesso di soggiorno lungo e sia residente in Italia in via continuativa e legale da almeno 5 anni.
A questo si aggiunge lo Ius Culturae, che si rivolge ai bambini nati all’estero da genitori stranieri ma arrivati in Italia entro i 12 anni di età e che abbiano frequentato la scuola. Il disegno di legge è chiaro in proposito, affermando che possono richiedere la cittadinanza i bambini che: “abbiano frequentato regolarmente, nel territorio nazionale e per almeno cinque anni, uno o più cicli presso istituti appartenenti al sistema nazionale di istruzione o percorsi di istruzione e formazione professionale triennale o quadriennale idonei al conseguimento di una qualifica professionale”. Inoltre viene specificato che, se si tratta delle scuole elementari, occorre che vi sia stata la promozione. La cittadinanza potrà essere concessa anche allo straniero che è entrato nel territorio nazionale prima del compimento della maggiore età, ma che vi risieda da almeno sei anni e abbia frequentato regolarmente, ai sensi di legge, un ciclo scolastico con il conseguimento del titolo, presso “istituti appartenenti al sistema nazionale di istruzione, ovvero un “ovvero un percorso di istruzione e formazione professionale triennale o quadriennale con il conseguimento di una qualifica professionale”.
La proposta prevede, quindi, la concessione della cittadinanza sotto criteri specifici.


Continua la lettura su Progetto Melting Pot Europa 

Fonte: Progetto Melting Pot Europa 

Autore: 
Concetta Sorvillo

Licenza: Creative Commons (non specificata la versione


Articolo tratto interamente da Progetto Melting Pot Europa



Tra le spighe di Giovanni Pascoli


Tra le spighe 

Il grano biondo sussurrava al vento.
Qualche fior rosso, qualche fior celeste,
tra i gambi secchi sorridea contento.

Pendeano li agli e le cipolle in reste.
S'udian, mutata alfin la voce in gola,
cantar galletti, altieri delle creste.

Tessea le spighe dello spigo a spola
la cara madre, per i suoi rotelli
del banco grande e per le sue lenzuola.

Fioria la zucca, arsivano i piselli,
nell'orto. Le ciliege erano andate:
per San Giovanni avevano i giannelli.

C'erano già le mele dell'estate,
c'erano le susine di San Pietro.
Fatte via via più lunghe le giornate,

il sole, stanco, ritornava indietro.

E biondo al vento mormorava il grano.
Fiorivano le snelle spadacciole
tra i gambi gialli; e non sapean, che in vano.

C'era un bisbiglio come di parole.
E l'intendea la lodola che in tanto
aveva lì la giovinetta prole.

Tardi avea fatto il nido, lì da un canto.
Oh! ella amava il sole più che il nido!
Chissà? voleva far lassù, col canto!

Or sui piccini udiva già lo strido
della falciola; e li ammonìa di stare
accovacciati senza dare un grido.

Diceva: - Chiotte, contro terra, o care!
che non si mova un bruscolo, uno stelo!
V'ho fatte color terra: altro non pare,

così, che terra, o nate per il cielo! -

E il grano al vento strepitava; e disse
il padre al figlio: "Mieteremo. Vedi:
verdino è, sì, ma non vorrei patisse.

Ché il grano dice: - Io sto ritto, e tu siedi.
Qui temo l'acqua, e il vento mi dà briga.
Altronde, o presto o tardi, o steso o in piedi,

se il gambo è secco seccherà la spiga -".

Giovanni Pascoli


Citazione del giorno


"Il pregiudizio è figlio dell’ignoranza."

William Hazlitt


Pollice su e giù della settimana


Tumori, scoperto l'interruttore del cancro tratto da La Repubblica






Londra, almeno 100 morti nel rogo, la polizia: speriamo non siano di più tratto da Il Messaggero







L'angolino della sfinge: giochi di enigmistica a cura di Cristiana



Angolo curato e gestito da Cristiana


Ghigliottina
  1. RIGORE
  2. DISEGNO
  3. GAZZETTA
  4. UOMO
  5. FUORI

Trovare una sesta parola comune anche a tutte le altre.



Catena logica

3 parole che collegano la prima all'ultima (contare i puntini)

CUOIO S..... P.... M..... TAGLIA        

Le soluzioni tra una settimana, direttamente da Cristiana in un commento a questo post.


Questo post, fa parte dell'iniziativa gli angoli. Se anche tu, vuoi avere uno spazio fisso in questo blog, clicca qui.


giovedì 15 giugno 2017

Madeira timelapse

Madeira Timelapse from Mingan Gray Wolf on Vimeo.

Photo e video credit Mingan Gray Wolf caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons


66ºN

66ºN from Llop Artic Photography on Vimeo.

Photo e video credit Llop Artic Photography caricato su Vimeo - licenza: Creative Commons 


Proverbio del giorno


Chi confessa il proprio errore è sulla strada della verità.


Voglio ricordare i profili sociali di questo blog

Queste sono le pagine sociali del blog in diversi servizi web. Trovate Web sul blog ai seguenti link (cliccate su per accedere):
















Se vi piace questo blog aiutatelo a crescere, diffondete anche ai vostri amici i miei link. Grazie a tutti per la vostra fiducia.

mercoledì 14 giugno 2017

Guardate ancora quel puntino...


"Guardate ancora quel puntino. È qui. È casa. Siamo noi. Su di esso, tutti quelli che amate, tutti quelli di cui avete mai sentito parlare, ogni essere umano che sia mai esistito, hanno vissuto la propria vita. L'insieme delle nostre gioie e dolori, migliaia di presuntuose religioni, ideologie e dottrine economiche, ogni cacciatore e raccoglitore, ogni eroe e codardo, ogni creatore e distruttore di civiltà, ogni re e suddito, ogni giovane coppia innamorata, ogni madre e padre, figlio speranzoso, inventore ed esploratore, ogni predicatore di moralità, ogni politico corrotto, ogni "superstar", ogni "comandante supremo", ogni santo e peccatore nella storia della nostra specie è vissuto lì su un granello di polvere sospeso dentro ad un raggio di sole. La Terra è un piccolissimo palco in una vasta arena cosmica. Pensate ai fiumi di sangue versati da tutti quei generali e imperatori affinché, nella gloria ed il trionfo, potessero diventare i signori momentanei di una frazione di un punto. Pensate alle crudeltà senza fine impartite dagli abitanti di un angolo di questo pixel agli abitanti scarsamente distinguibili di qualche altro angolo, quanto frequenti i loro malintesi, quanto smaniosi di uccidersi a vicenda, quanto ferventi i loro odii. Le nostre ostentazioni, la nostra immaginaria autostima, l'illusione che abbiamo una qualche posizione privilegiata nell'Universo, sono messe in discussione da questo punto di luce pallida. Il nostro pianeta è un granellino solitario nel grande, avvolgente buio cosmico. Nella nostra oscurità, in tutta questa vastità, non c'è nessuna indicazione che possa giungere aiuto da qualche altra parte per salvarci da noi stessi.
La Terra è l'unico mondo conosciuto che possa ospitare la vita. Non c'è nessun altro posto, per lo meno nel futuro prossimo, dove la nostra specie possa migrare. Visitare, sì. Abitare, non ancora.
Che vi piaccia o meno, per il momento la Terra è dove ci giochiamo le nostre carte. È stato detto che l'astronomia è un'esperienza di umiltà e che forma il carattere. Non c'è forse migliore dimostrazione della follia delle vanità umane che questa distante immagine del nostro minuscolo mondo. Per me, sottolinea la nostra responsabilità di occuparci più gentilmente l'uno dell'altro, e di preservare e proteggere il pallido punto blu, l'unica casa che abbiamo mai conosciuto."

Carl Sagan


Firefox sempre più veloce




Articolo da Mozilla blog ufficiale


Con e10s la nuova versione di Firefox raggiunge l’equilibrio perfetto tra velocità e memoria

Nel team di sviluppo di Firefox, una cosa che ci sentiamo ripetere spesso è quanto gli utenti facciano affidamento sul Web per attività complesse come organizzare un viaggio o confrontare i prezzi dei loro acquisti. Queste attività spesso richiedono di tenere più schede aperte. Inoltre i siti web e le applicazioni aperti in quelle schede hanno in esecuzione svariati contenuti: animazioni, video, immagini in alta risoluzione ecc. I siti complessi si confermano sempre più come la regola, non l’eccezione. In media un sito recente pesa quasi 2,5 megabyte… la stessa dimensione del primo gioco della serie Doom, secondo le fonti di Wired. Fino alla precedente versione di Firefox, aprire un sito complesso in una scheda causava un rallentamento sulle altre pagine aperte, risultando in un’esperienza di navigazione non esattamente ottimale.

Per rendere Firefox capace di caricare più velocemente anche i siti complessi, abbiamo apportato modifiche in modo da consentire l’utilizzo di processi multipli. In parole povere? Le versioni precedenti di Firefox utilizzavano un unico processo per gestire tutte le schede aperte nel browser. I browser moderni invece dividono il carico in più processi tra loro indipendenti. Abbiamo battezzato questo progetto di scissione di Firefox in più processi Electrolysis (“elettrolisi”, abbreviato e10s), ispirandoci alla reazione chimica che scinde l’acqua nei suoi elementi costituenti. e10s rappresenta la più grande rivoluzione nel codice dagli albori di Firefox. Oggi siamo fieri di aprire la prossima importante fase dell’iniziativa e10s.

Firefox ancora più veloce con 4 processi per i contenuti


A partire da oggi Firefox potrà utilizzare fino a 4 processi per caricare i contenuti web all’interno delle schede aperte. Questa innovazione riduce notevolmente l’impatto di un sito complesso su velocità e reattività delle altre schede aperte. Suddividendo il carico delle schede in più processi, le risorse hardware del dispositivo vengono utilizzate in modo più efficiente e Firefox è in grado di fornirti di più con meno tempi di attesa.


Navigando costantemente con il multiprocesso attivato nella versione beta di Firefox (Nightly), si possono constatare i notevoli miglioramenti delle prestazioni. Oltre alla velocità di caricamento e a una riduzione negli arresti anomali, e10s migliora la fluidità di navigazione dei siti. Anche le pagine con aggiornamenti più frequenti, come quella dei feed di Facebook, scorrono in modo fluido e impeccabile. Una volta passati a Firefox e10s, non vorrete più tornare indietro.

Firefox 54 con e10s migliora l’esperienza di navigazione su tutti i computer, specialmente su quelli con meno memoria. L’obiettivo di Firefox è trovare l’equilibrio perfetto tra velocità e consumo di memoria. Per approfondire l’argomento dell’architettura multiprocesso utilizzata in Firefox, oltre che delle differenze strutturali con Chrome, si consiglia l’articolo di Ryan Pollock’s sulla ricerca del “browser di Ricciolidoro”.

Continua la lettura su Mozilla blog ufficiale


Fonte: Mozilla blog ufficiale


Autore: team di supporto

Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Condividi allo stesso modo 3.0 Unported. 



Articolo tratto interamente da Mozilla blog ufficiale