mercoledì 5 aprile 2017

Un breve pensiero sulla Siria


In queste ore c'è grande indignazione sull'attacco chimico, molto probabilmente gas sarin, avvenuto in Siria. Quello di ieri è solo l'ultimo atto della degenerazione umana, non esistono guerre giuste e ancora oggi, siamo qui a commentare la morte di tante vittime innocenti, causata solo dalla stupidità umana. Il voltastomaco più grande è leggere i rimbalzi di responsabilità tra i vari governi del mondo, ma ribadisco, se l'umanità ha toccato il fondo, tutti siamo coinvolti e nessuno è assolto.


Fermiamo le guerre nel mondo, prima che sia troppo tardi, mai come adesso, il genere umano rischia di autodistruggersi definitivamente.



11 commenti:

  1. Hai ragione, pensiamo agli attacchi chimici a Falluja, ai molti attacchi chimici già avvenuti in Siria. C'è chi in ogni occasione, anche in momenti in cui non c'è la notizia ma proprio per questo bisogna battere sull'argomento perché non passi nel dimenticatoio, scrive e denuncia tutto questo ma è vero che l'indifferenza colpisce tutti, non solo i Governi ma la gente comune, ed è proprio quest'ultimo aspetto ad essere il più grave e desolante.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bisogna indignarsi sempre contro le guerre e non solo quando si è colpiti dall'emotività.

      Elimina
    2. Infatti concordo con te, ed agisco in tal modo a costo di fare post "impopolari" nel senso che magari a volte a qualcuno possono sembrare noiosi e fuori luogo ma io non mi piego a logiche di marketing virtuale per scrivere un post. In questo siamo molto simili.

      Elimina
    3. I tuoi post e le tue poesie non sono mai fuori luogo e fanno sempre riflettere.

      Elimina
  2. Caro Vincenzo, ma quando finirà questo massacro fratricida!!!
    Ciao e buona giornata caro amico con un forte abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tutto è nelle mani del genere umano, ma bisogna iniziare a cambiare rotta subito.

      Elimina
  3. I governi hanno una responsabilità enorme su quanto accade in Siria, ma la gente comune spesso osserva senza capire e ripropone, nella propria quotidianità, le stesse dinamiche di indifferenza e di violenza. Purtroppo non possiamo cambiare il mondo. Ma compiendo ogni giorno azioni positive si entra in un circolo vizioso che, seppur dopo molto tempo, possono innescare cambiamenti globali.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono perfettamente d'accordo, il cambiamento deve partire nella nostra quotidianità, il troppo egoismo sta rovinando il mondo e anche se siamo piccole formiche rispetto a chi detiene il potere, unendoci, siamo la maggioranza e l'unione fa la forza.

      Elimina
    2. Circolo virtuoso volevo dire, non vizioso. :)

      Elimina
  4. Sempre troppa indifferenza caro Cavaliere...

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.