giovedì 13 aprile 2017

Rami di pesco di Ada Negri


Rami di pesco

Ferma al quadrivio, mentre piove e spiove
sotto l’aspro alternar delle ventate
chiaccianti come fruste sulle facce
di chi va, di chi viene, una vecchietta
vende rami di pesco.
O primavera
per pochi soldi! O riso, o tremolìo
di stelle rosee su bagnate pietre!

Scompare agli occhi miei la strada urbana
con fango e folla e strider di convogli
sulle rotaie, e saettar nemico
d’automobili in corsa. Ecco, e in un campo
mi trovo: è verde, di frumento appena
sorto dal suolo: pioppi e gelsi intorno
con la promessa delle fronde al sommo
dei rami avvolti in una nebbia d’oro:
e peschi: oh, lievi, oh, gracili, d’un rosa
che non è della terra: ch'è di tuniche
d’angeli, scesi a benedire i primi
germogli, e pronti, a un alito di brezza,
a rivolar da nube a nube in cielo.

Ada Negri 



7 commenti:

  1. Ciao,
    una fugace visita per farti gli auguri.
    Che questa Pasqua,sia per te ogni giorno foriera di vita e speranza.
    Buona Pasqua

    RispondiElimina
  2. Caro Vincenzo, veramente bella questo poesia di Ada Negri!!!
    Ciao e buon giovedì santo con un abbraccio e un sorriso:-)
    Tomaso

    RispondiElimina
  3. Ciao Cavaliere errante. Buona Pasqua a te e famiglia.

    RispondiElimina
  4. Ammiro i poeti per la loro capacità di creare immagini, dipingere con parole di sogno e, a volte, provo un po' di invidia (in senso buono) o forse di rammarico per non possedere questa capacità. Un salutone e Buona Pasqua. Sergente Elias

    RispondiElimina
  5. Bellissima.
    Buona Pasqua Cavaliere. =)
    Dani

    RispondiElimina
  6. bella poesia!! ciao cavaliere, serena e felice Pasqua!!

    RispondiElimina
  7. Bellissima poesia, tanti auguri a te e alla tua famiglia caro Cavaliere!
    Carmen

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.