venerdì 3 febbraio 2017

Gli Herero e i Nama fanno causa alla Germania per genocidio


Articolo da Tlaxcala

All’inizio di quest’anno rappresentanti degli Herero e dei Nama della Namibia a New York hanno avviato un procedimento contro la Repubblica Federale Tedesca per genocidio, richiedendo il risarcimento materiale per il genocidio del 1904-1908 e una partecipazione diretta alle negoziazioni.

Le negoziazioni ufficiali del governo tedesco con quello namibiano oramai procedono da oltre un anno. Ma questo processo, inizialmente avviato per promuovere la riconciliazione, sta per riaprire vecchie ferite e creando nuovi dissesti. Infatti i gruppi interessati non sono stati invitati al tavolo delle negoziazioni, e la Germania rifiuta il pagamento di qualsiasi riparazione.


Genocidio e furto di terre


Tra il 1904 e il 1908, l’Impero Germanico nell’ex colonia Deutsch-Südwestafrika, l’attuale Namibia, ha commesso un genocidio. Questo tenebroso capitolo della storia tedesca determina ancora la storia dei discendenti. Infatti i soldati tedeschi allora non solo uccisero fino a 100.000 Herero e Nama, ma distrussero anche le basi dell’esistenza economica dei sopravvissuti, privando loro della loro terra e dei loro animali, senza pagare alcun risarcimento.
L‘attuale distribuzione ingiusta delle terre, di cui i bianchi ancora possiedono oltre l’80 percento, risale direttamente a questo genocidio. Anche per questo tanti discendenti delle persone assassinate vivono in povertà. Il capo Herero Vekuii Rukoro ha spiegato in modo inequivocabile che una scusa simbolica senza risarcimento materiale non vale niente.

Il massacro del colonialismo

Le prospettive giuridiche del successo di una querela di questo tipo sono difficili da prevedere. È molto promettente il riferimento al diritto sancito nel contesto della convenzione dell’ONU sui diritti dei popoli indigeni relativo alla partecipazione ai “processi decisionali che riguardano questioni che potrebbero riferirsi ai loro diritti di partecipare attraverso i rappresentanti da loro eletti secondo la propria procedura di elezione”. Sia la Germania che la Namibia ha firmato questa convenzione. I negoziati attuali li conduce un herero, il Dr. Zed Ngavirue,  nominato dal governo della Namibia, ma senza il consenso da parte dei rappresentanti ufficiali degli Herero e dei Nama.

Se la Germania venisse obbligata dal tribunale a pagare delle riparazioni, questo avrebbe delle conseguenze enormi. Anche altri massacri dell’epoca coloniale quali la guerra di Maji-Maji nell’Africa orientale tedesca e i crimini di altre ex potenze coloniali  quali la Gran Bretagna o la Francia potrebbero essere rinegoziati.

 Continua la lettura su Tlaxcala




Per concessione di Tlaxcala
Fonte: https://diefreiheitsliebe.de/politik/herero-und-nama-verklagen-deutschland-wegen-voelkermord/
Data dell'articolo originale: 23/01/2017
URL dell'articolo: http://www.tlaxcala-int.org/article.asp?reference=19803


Fonte: Tlaxcala 

Autore: 
Niema Movassat - tradotto da Milena Rampoldi

Licenza: Copyleft 

Articolo tratto interamente da Tlaxcala 



1 commento:

  1. Il piccolo dettaglio che sfugge ai più è proprio legato al fatto che molti stati africani e medio orientali sono stati depredati, divisi e ricostruiti artatamente con confini disegnati dai colonialisti. Poi ci domandiamo il perché dei casini legati all'immigrazione. Paghiamo oggi i disastri delle generazioni precedenti. L'Europa si è ben ben ingrassata per secoli, ora "il terzo mondo" ci presenta il conto.

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.