mercoledì 29 gennaio 2014

La marea blanca ferma la privatizzazione degli ospedali madrileni

MAREAS BLANCA, ROJA y VERDE. Madrid, 15 Diciembre 2013

Articolo da Pressenza
 
Quest'articolo è disponibile anche in: Spagnolo

Il governo regionale di Madrid ha annunciato che non porterà avanti il processo di privatizzazione della gestione di sei ospedali pubblici, dopo che il suo progetto neo-liberista, contro cui si sono tenute manifestazioni per un anno, è stato respinto in sede giudiziaria.

La decisione è stata annunciata dal presidente regionale Ignacio González, del conservatore Partido Popular (PP), che ha spiegato in una conferenza stampa l’intenzione di “abbandonare il processo di esternalizzazione” della gestione sanitaria “viste le decisioni prese dai tribunali”.

La misura riguarda gli ospedali Infanta Leonor (Vallecas), Infanta Sofía (San Sebastián de Los Reyes), Infanta Cristina (Parla), Hospital de Henares (Coslada), del Sureste (Arganda del Rey) e del Tajo (Aranjuez).

La rinuncia a questo progetto ha portato alle dimissioni dell’Assessore della Sanità di Madrid Javier Fernández Lasquetty, che se ne è andato per “senso di responsabilità”, dato che non aveva potuto  completare il processo di privatizzazione, da lui difeso per ragioni di risparmio.

L’annuncio è arrivato poche ore dopo che il Tribunale Superiore di Giustizia di Madrid aveva respinto l’ultimo appello contro la sospensione del processo di privatizzazione, presentato dall’esecutivo madrileno e dalle imprese che sei mesi fa si erano aggiudicate il servizio sanitario.

Nel settembre del 2013 la giustizia madrilena aveva deciso di sospendere le privatizzazioni in forma cautelare, argomentando che se non si adottava tale misura si poteva arrivare a una situazione di non ritorno, di cambiamento di modello e pertanto, “giuridicamente irreversibile”.

Nella sua sentenza il tribunale ha inoltre liquidato l’argomento del governo conservatore, secondo cui la privatizzazione della gestione degli ospedali è una garanzia di “risparmio”, visto che progetti simili non hanno raggiunto tale obiettivo.

La misura cautelare era stata sollecitata dall’Asociación de Facultativos Especialistas de Madrid (AFEM), secondo cui la privatizzazione della gestione degli ospedali “danneggia i diritti fondamentali” dei lavoratori e soprattutto dei pazienti, visto che crea un `apartheid` sanitario, lasciando la salute in mano alle imprese private.

La paralisi giudiziaria si è prodotta quando il governo regionale aveva completato il processo di assegnazione a tre imprese – Ribera Salud, Bupa Sanitas e il gruppo Hima San Pablo di Puerto Rico-   dopo dieci mesi di conflitto lavorativo, caratterizzati dagli scioperi e dalle mobilitazioni di massa della famosa “Marea Bianca” di lavoratori della sanità e medici.

Il processo è stato travagliato e dopo la nuova sentenza González ha riconosciuto che si è creata “una situazione di incertezza e mancanza di sicurezza”. Il dirigente conservatore ha comunque difeso il progetto, affermando che “si tratta di un modello di gestione legale e possibile, previsto dalla legge e applicato da tutte le amministrazioni pubbliche e anche in altri ospedali di Madrid”.

Nonostante sia convinto di avere ragione, l’esecutivo madrileno non continuerà la battaglia, ponendo così fino a più di un anno di conflitto con il settore sanitario, che fin dall’inizio si è opposto alla privatizzazione degli ospedali pubblici.

Questa misura è stata una delle prime annunciate da  González nell’ottobre 2012, quando ha  sostituito Esperanza Aguirre. Da allora il dirigente del PP ha accumulato un fallimento dopo l’altro. Tra le sue disfatte più sonore figurano l’idea di far pagare un euro a ricetta, la candidatura ai Giochi Olimpici del 2020 e Eurovegas, il mega progetto turistico e di svago che prometteva di investire 6 miliardi di euro nella regione e che poi è stato cancellato.

Fonte: Pressenza

Autore: 
 

  
Licenza: Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale


 

Articolo tratto interamente da Pressenza


Photo credit 3Ro caricata su Flickr - licenza foto: Creative Commons




7 commenti:

  1. Non so se questo sia un sollievo ma questa sanità
    a dei problemi un po da per tutto
    ciao Cavaliere

    RispondiElimina
  2. Basta giocare sulla pelle dei poveri, le cure ospedaliere sono un DIRITTO di tutti e non solo di chi ha la possibilità di pagare tanto soldoni.
    Buona serata

    RispondiElimina
  3. La sanità dovrebbe essere un diritto di tutti, non si discrimina sulla salute in base al portafoglio.
    Buona giornata

    RispondiElimina
  4. Ciao,
    sono un'amica di Antonella del "Il tempo ritrovato".
    Sono venuta sotto suo consiglio perchè ieri, mentre stavo preparando un post, mi è apparsa la scritta "sei collegato da un'altra postazione". In un primo momento credevo fosse un errore di blogger, ma poi quel post ha subito qualche modifica. Vorrei capire se il tutto è dovuto da un malfunzionamento del sistema o se qualcuno può essere entrato. Ho fatto la segnalazione ma non sono tranquilla, puoi aiutarmi?grazie e buona giornata e scusa per il disturbo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie mille per la gentilezza e la disponibilità

      Elimina
    2. Grazie Cavaliere di aver aiutato la mia amica Audrey con il suo problema.

      Ti saluto perchè sarò assente per circa un mese per motivi di lavoro, ci "rileggeremo" a marzo.
      Antonella

      Elimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.