lunedì 25 novembre 2013

I diritti degli animali



Articolo da Unimondo.org

Niente di nuovo sul fronte dei diritti animali? Oltre a salutare lo scorso 17 novembre il Nobel per la letteratura Doris Lessing, che agli animali ed in particolari ai gatti ha dedicato pagine indimenticabili, “Darei il mio cuore per una lacrima di gatto” diceva parafrasando Kipling, qualcosa di nuovo in verità c’è. Dieci nuove leggi dalla parte degli animali del Belpaese, infatti, stanno alla base della petizione lanciata della Federazione Italiana delle Associazioni Diritti Animali e Ambiente (Leidaa), sottoscritta in meno di tre mesi e mezzo da oltre centomila cittadini e consegnata lo scorso 8 novembre, ai sensi dell’articolo 50 della Costituzione, al Presidente del Senato Pietro Grasso da Gianluca Felicetti presidente della Lega Anti Vivisezione (Lav), Carla Rocchi presidente dell’Ente Nazionale Protezioni Animali (Enpa), Piera Rosati presidente della Lega Difesa del Cane, Massimo Comparotto presidente dell’Organizzazione Internazionale Protezione Animali (Oipa) assieme ai rappresentanti di Leidaa ed Essere Animali.
La precedente Legislatura ha raggiunto alcuni importanti risultati per il mondo animalista: dal diritto al soccorso stradale per gli animali al riconoscimento del loro diritto di vivere nei condomini, fino all’istituzione del reato di traffico di cuccioli. Ora tocca al Governo in carica, che  ha già fatto due primi importanti passi introducendo l’articolo 13 della Legge europea (ribattezzato il salva animali) che “restringe” la vivisezione e incentiva il ricorso ai metodi sostituivi di ricerca e impegnandosi ad azzerare in cinque anni i contributi pubblici ai circhi con gli animali destinandoli alla riconversione degli spettacolo. Ma si può fare di più. “Chiediamo ora al Parlamento con questo decalogo di proseguire su questa strada - ha spiegato l’Enpa - e di impegnarsi concretamente per realizzare quel cambiamento che sempre più cittadini auspicano, per una reale tutela degli animali e dei loro diritti proprio a partire delle nuove dieci leggi per fermare sfruttamento e violenze sugli animali che le associazioni rivolgono a tutti i deputati e i senatori”.
Per gli animalisti, infatti, è ora necessario pensare ad un  riconoscimento nella Costituzione del principio della tutela dell’ambiente e del valore del rispetto degli animali; 
alla modifica del Codice civile che riconosca gli animali come esseri senzienti
; al rafforzamento nel Codice penale  dei reati a danno degli animali
; allo stop alla vivisezione e il sostegno ai metodi sostitutivi di ricerca
; al contrasto dell’abbandono e del randagismo anche attraverso misure per facilitare la vita con gli animali domestici
; alla disincentivazione degli allevamenti e l’obbligo di stordimento prima della macellazione
; alla promozione di scelte alimentari senza prodotti di origine animale
; al rafforzamento della protezione degli animali selvatici in natura con aree protette sempre più grandi e lo stop alla caccia
; al divieto di allevamento di animali per pellicce e l’uso di animali per feste e palii
 e infine alla trasformazione di zoo, acquari e delfinari in centri di recupero degli animali sequestrati e maltrattati oltre al già promesso divieto d'uso degli animali nei circhi attraverso il sostegno agli spettacoli circensi umani. In occasione dell’incontro a Palazzo Madama “Il Presidente del Senato ha espresso il suo apprezzamento per l’attività del volontariato animalista - hanno riferito i rappresentanti delle associazioni - e ci ha assicurato il suo impegno per l’iter legislativo delle 10 proposte. Ha altresì auspicato maggiori controlli sul territorio in applicazione delle leggi già esistenti a tutela degli animali, in particolare contro i canili-lager”.

Continua la lettura su Unimondo

Fonte: Unimondo.org


Autore: Alessandro Graziadei

Licenza: Licenza Creative Commons
This opera is licensed under a Creative Commons Attribuzione - Non commerciale 2.5 Italia License.


Articolo tratto interamente da
Unimondo.org

2 commenti:

  1. Grazie per questo articolo, io sono un amante degli animali e mi tengo sempre aggiornata su quello che li riguarda ma ultimamente causa salute mi ero persa le ultime novità.
    Grazie davvero

    RispondiElimina
  2. questo articolo è davvero molto molto interessante...spero davvero con tutto il cuore che tutto cio' di cui si è parlato venga messo in atto e convertito in legge...Gli animali hanno diritto alla vita , ad una vita di amore e di rispetto sopratutto.
    Grazie cavaliere

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.