domenica 30 giugno 2013

30 giugno 1908 – Tunguska (Siberia, Russia): una enorme esplosione devasta 2150 chilometri quadrati di foresta.


Articolo da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Con "evento di Tunguska" (in russo: Тунгусский феномен[?]) si indicano le conseguenze verificatesi, in una località della Siberia, la mattina del 30 giugno 1908, a seguito dell'impatto di un grande meteoroide, o cometa. L'esplosione, avvenuta a un'altitudine di 5–10 chilometri dalla superficie terrestre, abbatté decine di milioni di alberi e venne percepita anche a mille chilometri di distanza. È il maggiore evento esplosivo naturale registrato nella storia recente in prossimità della Terra.
La località prende il nome dal fiume Tunguska Pietrosa (in russo: Podkamennaja Tunguska[?]), che scorre nella parte settentrionale del Territorio di Krasnojarsk, nella Siberia centrale.
Alle ore 7:14 locale, 0:14 T.U., del 30 giugno 1908 un evento catastrofico ebbe luogo nelle vicinanze del fiume Podkamennaja Tunguska, abbattendo 60-80 milioni di alberi su una superficie di 2.150 chilometri quadrati. Si stima che l'onda d'urto dell'esplosione avrebbe potuto essere assimilabile a un terremoto di grado 5 della scala Richter. Un'esplosione di questa portata è in grado di distruggere una grande area metropolitana.
Il rumore dell'esplosione fu udito a mille chilometri di distanza. A 500 chilometri alcuni testimoni affermarono di avere udito un sordo scoppio e avere visto sollevarsi una nube di fumo all'orizzonte. A 65 chilometri il testimone Semen Semenov raccontò di aver visto in una prima fase il cielo spaccarsi in due, un grande fuoco coprire la foresta e in un secondo tempo notò che il cielo si era richiuso, udì un fragoroso boato e si sentì sollevare e spostare fino a qualche metro di distanza.
L'onda d'urto fece quasi deragliare alcuni convogli della Ferrovia Transiberiana a 600 km dal punto di impatto. Si ritiene, in base ai dati raccolti, che la potenza dell'esplosione sia stata compresa tra 10 e 15 megatoni (40-60 petajoule). Altri effetti si percepirono persino a Londra, dove, in quel frangente, pur essendo mezzanotte il cielo era talmente chiaro e illuminato da poter leggere un giornale senza l'ausilio della luce artificiale.

Continua la lettura su Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

3 commenti:

  1. dev'essere stato terrificante per chi l'ha vissuto.
    Un dramma,che per fortuna aveva interessato una foresta e non una cittadina.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  2. E' stato anche ipotizzato che sia stato il risultato di un esperimento di tesla, trasmissione di energia, finito male.

    Buona domenica Cavaliere

    RispondiElimina
  3. Questa cosa di Tesla non l'avevo ancora letta!

    RispondiElimina

I commenti sono in moderazione e sono pubblicati prima possibile. Si prega di non inserire collegamenti attivi, altrimenti saranno eliminati. L'opinione dei lettori è l'anima dei blog e ringrazio tutti per la partecipazione.