sabato 31 luglio 2010

Proverbi sul mese di Agosto

A volte si crede di trovare il sole d'agosto e si trova la luna di marzo.

Chi dorme d'agosto, dorme a sue spese.

Il sole d'agosto inganna la massaia nell'orto.

Quando piove d'agosto, piove miele e piove mosto.


A san Lorenzo l’uva si tinge.

Agosto matura,Settembre vendemmia.

Chi mangia l’uva in agosto,non arriva a ottobre a bere il mosto.

Per san Rocco (16 Agosto)la rondine fa fagotto.

venerdì 30 luglio 2010

Sondaggio :I migliori film che ricordano l'estate



Secondo voi,quale film vi ricorda maggiormente l'estate oppure siete legati a dolci ricordi estivi?


Aspetto le vostre opinioni e se volete invitate anche i vostri amici a partecipare al sondaggio

Al via l'esodo delle vacanze,2 week end da ''bollino nero''

La giornata di domani e quella di sabato 8 agosto,saranno secondo Autostrade per l'Italia, da 'bollino nero’.Infatti sono previsti i maggiori flussi di traffico dell'estate, sull'intera tratta autostradale.Dunque prima di partire bisogna pensare a vari accorgimenti come:controllare lo stato dell'automobile,pianificare bene la partenza,viaggiare riposati ,rispettare le distanze e i limiti,portare acqua sufficiente per eventuali code e quando siete stanchi ,fermarsi per una sosta in un area di servizio .Inoltre da domani entrerà in vigore il nuovo codice della strada;dunque guidare con prudenza significa salvare la propria vita e quella degli altri.

Pioggia d'agosto di Guido Gozzano



Pioggia d'agosto

Nel mio giardino triste ulula il vento,
cade l'acquata a rade goccie, poscia
più precipite giù crepita scroscia
a fili interminabili d'argento...
Guardo la Terra abbeverata e sento
ad ora ad ora un fremito d'angoscia...

Soffro la pena di colui che sa
la sua tristezza vana e senza mete;
l'acqua tessuta dall'immensità
chiude il mio sogno come in una rete,
e non so quali voci esili inquete
sorgano dalla mia perplessità.

"La tua perplessità mediti l'ale
verso meta pi˘ vasta e pi˘ remota!
tempo che una fede alta ti scuota,
ti levi sopra te, nell'Ideale!
Guarda gli amici. Ognun palpita quale
demagogo, credente, patriota...

Guarda gli amici. Ognuno già ripose
la varia fede nelle varie scuole.
Tu non credi e sogghigni. Or quali cose
darai per meta all'anima che duole?
La Patria? Dio? l'Umanità? Parole
che i retori t'han fatto nauseose!...

Lotte brutali d'appetiti avversi
dove l'anima putre e non s'appaga...
Chiedi al responso dell'antica maga
la sola verità buona a sapersi;
la Natura! Poter chiudere in versi
i misteri che svela a chi l'indaga!"

Ah! La Natura non Ë sorda e muta;
se interrogo il lichene ed il macigno
essa parla del suo fine benigno...
Nata di sé medesima, assoluta,
unica verità non convenuta,
dinnanzi a lei s'arresta il mio sogghigno.

Essa conforta di speranze buone
la giovinezza mia squallida e sola;
e l'achenio del cardo che s'invola,
la selce, l'orbettino, il macaone,
sono tutti per me come personae,
hanno tutti per me qualche parola...

Il cuore che ascoltò, più non s'acqueta
in visioni pallide fugaci,
per altre fonti va, per altra meta...
O mia Musa dolcissima che taci
allo stridìo dei facili seguaci,
con altra voce tornerò poeta! -

Guido Gozzano

giovedì 29 luglio 2010

Segnala e condividi:Il blog Lufantasygioie regala un bracciale;scopri come

Premessa:

L'amica Lucia del blog Lufantasygioie ,regala tramite un sorteggio uno splendido bracciale,per conoscere le condizioni e il regolamento leggete qui sotto.



Post estratto dal blog Lufantasygioie :

Sembra incredibile ma è vero!E qui le cose sono 2:o io sono diventata superintelligente o questo bracciale è semplicissimo...e mi sa che la seconda è l'ipotesi più corretta!
Vi ricordate del post precedente?Ebbene,in men che non si dica,ho imparato la tecnica Herringbone ed eseguito uno schema del famoso libro inglese!
Ecco il mio bracciale sdraiato.....che ve ne pare? Avevo comprato solo 3 colori di cubi diversi,non mi andava di buttare i soldi,ma mi sa che i bijoux che si possono realizzare con queste perline sono altrettanto affascinanti!
E per scusarmi dello spavento che vi ho fatto prendere,mi scuso....... ma non volevo creare scompiglio,ho deciso di regalarlo.
Da questo momento è solo per 1 settimana,dico 1 settimana,lasciate sotto questo post un commento ,mettete il link nel vostro blog ed aspettate domenica 1 agosto per l'estrazione...con cosa la farò,non so proprio vedrò di inventarmi qualcosa.A chi andrà?
Si possono lasciare commenti fino alle ore 12 del giorno 1 agosto.
Per iscrivervi andate qui
Autore post:Lucia
Segnalazione inviata da:Lucia

A volte ritornano...(vecchi post riproposti): Popcorntv.it ,la web TV italiana legale, semplice e gratuita


Voglio farvi conoscere questa web-TV italiana ,legale, semplice e gratuita (grazie alla pubblicità),nata a Luglio(2009) e di proprietà di Telecittà Studios (leader nella distribuzione e produzione di prodotti per televisione, cinema e home video) .
Popcorn.tv è suddivisa in 3 canali tematici :cinema, musica e sport,propone una vasta library di film in streaming ,video musicali e videoclip sportivi.
Per guardare questa TV non c'e' bisogno di registrazione,basta una connessione adsl ed è necessario il plug-in Flash player.Tra la scelta del digitale terrestre e il satellite ,se fosse proprio il web, il futuro della TV?
Link tv:Popcorntv.it
Link post originale pubblicato il 14 dicembre 2009 qui
***Update - aggiornamento***
Questa tv migliora sempre di più ed esiste anche un nuovo canale tematico dal nome Popcornpiù dove si possono trovare:serie tv,anime,manga ,cartoni,games,documentari e tanti altri temi.

Proverbio del giorno


La pazienza è la virtù dei forti

mercoledì 28 luglio 2010

Giornata storica :La Catalogna proibisce la corrida dal 2012

Il parlamento catalano ha approvato con 68 voti a favore e 55 contrari ,l'abolizione delle corride sul proprio territorio dal 2012.Dunque una giornata storica,prima della Catalogna erano state le isole Canarie a vietarle nel 1991;adesso aspettiamo anche una legge a livello nazionale.I maltrattamenti agli animali,non devono essere tollerati per nessuna ragione;l'essere umano deve rispettare la natura e tutti i suoi componenti.

Citazione del giorno


"Immortale è chi accetta l'istante. Chi non conosce più un domani"

Cesare Pavese

martedì 27 luglio 2010

Racconti:Ne parliamo a cena ! (Raccontino estivo di Sara Rodolao )

Premessa:

Dopo averci deliziato con la leggenda delle mandorle; l'amica poetessa e scrittrice imperiese Sara Rodolao, mi onora di un nuovo racconto da pubblicare anche nel mio blog.
Ringrazio l'amica Sara ed invito a conoscere il suo blog cliccando qui.

Ne parliamo a cena !

Quella volta mia madre mi guardò con occhi severi, con uno sguardo che il nero profondo dei suoi occhi rendeva tagliente come lame:
“Ne parliamo a cena!”
Lo disse con voce ferma e decisa, non ammetteva repliche di nessuna natura.
Accennai un “si” col capo e tornai nella mia aula, tra il chiasso dei miei compagni di classe.
Certo, l’avevo fatta grossa: due giorni di assenza ingiustificata.
Il bidello aveva telefonato ai miei genitori; il Preside voleva un colloquio e mia madre si era precipitata in segreteria, scoprendo l’amara verità.
Era una madre dolce ma molto rigorosa, quando mi guardava in quel modo sentivo le mie budella arrotolarsi come una biscia: a cena ci sarebbe stato anche mio padre che ritornava a casa ogni sera, dopo avere svolto il suo duro lavoro di portuale nel porto di Genova: uno dei tantissimi pendolari che lottava col ritardo dei treni tutte le sante mattine.
L’avevo fatta davvero grossa!Come avrei potuto giustificare le mie assenze, senza tradire il mio segreto?
Avevo diciassette anni… ero un ragazzo che annaspava nel mare turbolento dell’adolescenza, né carne né pesce, come mi diceva mia nonna. Avevo disertato le lezioni per due giorni di fila per un motivo che per me era di assoluta priorità: nascondermi allo sguardo di occhi indiscreti in qualche angolo romantico con Michela, la prima ragazza che mi aveva fatto battere il cuore come un tamburo africano.
Stare vicino a lei, respirando il profumo dei suoi capelli che sapevano di gelsomino, abbracciarla forte e accarezzare la sua pelle chiara come la luna, baciarla fino a consumarmi le labbra, inebriarmi fino a perdere il contatto con la realtà di quella gioia sconosciuta, era il paradiso di cui avevo sempre sentito parlare!.
Ero stupefatto e geloso della mia felicità, non volevo condividerla con nessuno, solo con la mia Michela, solo e soltanto col primo Amore della mia vita. La mia testa e il mio cuore erano straripanti di Michela e soltanto di lei.
Michela…Michela…Michela…mi addormentavo pensando a lei e quando mi risvegliavo mi sembrava di vedere il suo bellissimo viso dipinto sui muri della mia stanza: non riuscivo a mettere insieme un solo concetto dove lei non fosse la protagonista assoluta.
Se mia madre fosse venuta a saperlo… temevo che in cuor suo lei pensasse che fossi solo un bambino, innamorarsi era cosa da grandi, forse avrebbe riso di me…a volte pensavo che per lei ero e sarei rimasto per sempre “un bambino”.
“Ne parliamo a cena”…di solito a cena non discutevamo di cose serie, mia madre non voleva dare altri fastidi a mio padre che tornava stanco morto, quindi a cena cercavamo soltanto di stare bene insieme, la cena era una cosa quasi sacra.
“ Ne parliamo a cena!” aveva detto…
Chissà come avrebbe reagito mio padre…di solito era buono con me, giustificava le mie piccole mancanze, però non era mai successo che io disertassi le lezioni, questa era grossa e non so come avrei potuto uscirne senza una valida spiegazione.
Con mia grande sorpresa però, mia madre portò in tavola il cus cus di pesce e verdure, gli spiedini di capra e manzo ricchi di spezie e per dessert aveva fatto la torta allo zenzero e fichi secchi che tanto piaceva a me e mio padre: la cena tunisina delle occasioni importanti!
Mio padre sorrise e domandò cosa si festeggiasse e lei rispose sorniona”dopo ti racconto”.
Mangiammo in silenzio…ed io aspettavo di sentire esplodere quel silenzio come una bomba, non appena mia madre lo avesse messo al corrente del misfatto di cui mi ero macchiato…ma lei restò muta…stranamente muta.
Guardandola mi sembrò di scorgerle uno sguardo carico di complicità.
Perchè non diceva a mio padre quello che era successo? La cosa mi rendeva inquieto e non riuscivo a capire, davvero non capivo.
E poi, perché aveva fatto la cena delle grandi occasioni nella nostra famiglia, i piatti tradizionali della Tunisia, sua terra d’origine? Di solito cucinava quel tipo di pietanze quando aveva nostalgia della sua Terra, o quando c’era da festeggiare un avvenimento importante.
Restammo soli e mentre aiutavo a sparecchiare la tavola le rivolsi uno sguardo interrogativo, lei mi sorrise con quegli splendidi occhi, nerissimi e vellutati come olive mature, richiuse la porta della cucina, affinché mio padre non potesse sentire le nostre confidenze… mi venne vicino accarezzandomi i capelli:
“Sai Luca?La sera in cui mi fidanzai con tuo padre, la nonna per dimostrarmi la sua gioia preparò una cena come questa…”
La guardai senza capire.
” Fidanzarsi come si usava una volta non si usa più… però...”
Io divenni acceso come un tramonto autunnale:“Però?”
“ L’ho capito che ti sei innamorato. Ma non c’è bisogno di nascondersi; il mondo non è nemico dei ragazzi che si amano…a papà lo spiegherò dopo: tu non mancare mai più alle lezioni… prometti?”
Mia madre, aveva voluto festeggiare il mio primo innamoramento con i prodotti tipici della sua Terra di cui conservava gelosamente le radici nel suo cuore.
Feci cenno di sì e corsi nelle sue braccia, emozionato e commosso, grato al Signore di avermi dato una madre intelligente e comprensiva, mai l’avevo amata come in quel momento: un momento importante d’intimità assoluta che avrei rammentato per sempre; come per sempre avrei richiamato alla mente Michela: il primo Amore della mia vita.

Sara Rodolao


Autore post ed opera: Sara Rodolao

Link blog: Il resto della tela

Segnalazione inviata da: Sara Rodolao

domenica 25 luglio 2010

Viaggiare:Maratea, la perla del Tirreno

Maratea - Redentore
Oggi facciamo tappa in Basilicata e precisamente a Maratea ;unico comune della Basilicata ad affacciarsi sul Mar Tirreno.Ecco la descrizione tratta da Wikipedia.

Maratea (Marathia in dialetto marateota, pronuncia /mara'tìa/) è un comune di 5.212 abitanti della provincia di Potenza. È l'unico comune della Basilicata ad affacciarsi sul Mar Tirreno.
Per i suoi pittoreschi paesaggi costieri e montani, e per le peculiarità artistiche e storiche, Maratea è una delle principali mete turistiche della regione, tanto da venire spesso soprannominata la perla del Tirreno.
Il 10 dicembre 1990 il presidente della Repubblica Francesco Cossiga ha insignito il comune di Maratea con il titolo onorifico di "Città".Unico comune della provincia ad affacciarsi sul mare, si estende per circa 32 km sul Mar Tirreno. La sua costa, incastonata in una singolare posizione geografica ed ambientale, è variegata di insenature e grotte, scogli e secche.
Numerose e caratteristiche le spiagge costiere, di fronte ad una delle quali emerge l'isola di Santo Janni.
Degni di attenzione sono i fondali e le 131 grotte marine e terrestri, delle quali alcune hanno restituito fossili e reperti preistorici. Su tutte spicca la Grotta di Marina con stalattiti e stalagmiti.
In più, le montagne dell'entroterra, arrivando con i loro costoni direttamente sul mare, creano un forte contrasto visivo di mare e monti, che da vita a pittoreschi panorami e scorci visivi.

Continua la lettura su.....Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Photo credits Basilicata Travel caricata su Flickr

Racconti:La partita a scacchi(racconto Zen)

La partita a scacchi

Un giovane si presentò ad un maestro zen e gli disse: "Vorrei raggiungere la liberazione dalla sofferenza promessa dal Buddha. Ma non sono capace di lunghi sforzi e non sono in grado di meditare. Esiste una via che posso seguire?""Che cosa sai fare?" gli domandò il maestro.
"Niente.""Ma c'è qualcosa che ti piace fare?""Giocare a scacchi."Il maestro fece portare una scacchiera e una spada. Poi chiamò un giovane monaco e disse: "Chi di voi due vincerà questa partita a scacchi raggiungerà la liberazione. Chi perderà sarà ucciso con questa spada. Accettate?". I due giovani acconsentirono e incominciarono a giocare. Sapendo che era una questione di vita o di morte, si concentrarono come non avevano mai fatto. A un certo punto il primo giovane si trovò in vantaggio e pensò che la vittoria era sicura. Guardò il suo avversario e si accorse che il maestro aveva sollevato la spada sulla sua testa. Allora ne ebbe compassione e compì un errore deliberato. Ora era lui che stava per perdere. Vide che il maestro aveva spostato la spada sulla sua testa... e chiuse gli occhi. La spada si abbatté sulla scacchiera. "Non c'è né vincitore né vinto" proclamò il maestro "e quindi non taglierò la testa a nessuno". Poi aggiunse rivolto al primo giovane: "Due sole cose sono necessarie: la concentrazione e la compassione. E tu le hai sperimentate entrambe. Questa è la via che cerchi".

Citazione del giorno


"Per conoscere bene le cose, bisogna conoscerne i particolari; e siccome questi sono quasi infiniti, le nostre conoscenze sono sempre superficiali e imperfette."

François de La Rochefoucauld

venerdì 23 luglio 2010

No legge bavaglio alla rete,lettera dal sito Valigiablu.it


Il famoso sito Valigiablu.it, ha proposto una lettera da indirizzare alla Camera contro il famoso obbligo di rettifica ,che colpisce tutta la rete. Il sito invita a far girare l'appello e raccoglie firme.

Ecco il contenuto della lettera:

Al Presidente della Camera, On. Gianfranco Fini
Al Presidente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, On. Giulia Bongiorno
Ai Capi-gruppo alla Camera dei Deputati
A tutti i Deputati
La decisione con la quale, lo scorso 21 luglio, il Presidente della Commissione Giustizia della Camera, On. Giulia Bongiorno, ha dichiarato inammissibili gli emendamenti presentati dall’On. Roberto Cassinelli (PDL) e dall’On. Roberto Zaccaria (PD) al comma 29 dell’art. 1 del c.d. ddl intercettazioni costituisce l’atto finale di uno dei più gravi – consapevole o inconsapevole che sia – attentati alla libertà di informazione in Rete sin qui consumati nel Palazzo.La declaratoria di inammissibilità di tali emendamenti volti a circoscrivere l’indiscriminata, illogica e liberticida estensione ai gestori di tutti i siti informatici dell’applicabilità dell’obbligo di rettifica previsto dalla vecchia legge sulla stampa, infatti, minaccia di fare della libertà di informazione online la prima vittima eccellente del ddl intercettazioni, eliminando alla radice persino la possibilità che un aspetto tanto delicato e complesso per l’informazione del futuro venga discusso in Parlamento.Tra i tanti primati negativi che l’Italia si avvia a conquistare, grazie al disegno di legge, sulversante della libertà di informazione, la scelta dell’On. Bongiorno rischia di aggiungerne uno ulteriore: stiamo per diventare il primo e l’unico Paese al mondo nel quale un blogger rischia più di un giornalista ma ha meno libertà.Esigere che un blogger proceda alla rettifica entro 48 ore dalla richiesta – esattamente come se fosse un giornalista – sotto pena di una sanzione fino a 12.500 euro, infatti, significa dissuaderlo dall’occuparsi di temi suscettibili di urtare la sensibilità dei poteri economici e politici.Si tratta di uno scenario anacronistico e scellerato perché l’informazione in Rete ha dimostrato, ovunque nel mondo, di costituire la migliore – se non l’unica – forma di attuazione di quell’antico ed immortale principio, sancito dall’art. 19 della dichiarazione Universale dei diritti dell’Uomo e del cittadino, secondo il quale “Ogni individuo ha il diritto alla libertà di opinione e di espressione, incluso il diritto di non essere molestato per la propria opinione e quello di cercare, ricevere e diffondere informazioni e idee attraverso ogni mezzo e senza riguardo a frontiere.”.Occorre scongiurare il rischio che tale scenario si produca e, dunque, reintrodurre il dibattito sul comma 29 dell’art. 1 del ddl nel corso dell’esame in Assemblea, permettendo la discussione sugli emendamenti che verranno ripresentati.L’accesso alla Rete, in centinaia di Paesi al mondo, si avvia a divenire un diritto fondamentale dell’uomo, non possiamo lasciare che, proprio nel nostro Paese, i cittadini siano costretti a rinunciarvi


Tra i primi firmatari:

Guido Scorza, Presidente Istituto per le politiche dell'innovazione

Vittorio Zambardino, Scene Digitali

Alessandro Gilioli, Piovono Rane

Arianna Ciccone, Festival Internazionale del Giornalismo e Valigia Blu

Filippo Rossi Direttore Ffwebmagazine e Caffeina magazine

Stefano Corradino, Articolo 21
Luca Conti, Pandemia

Fabio Chiusi, Il Nichilista

Daniele Sensi, L'AntiComunitarista

Wil Nonleggerlo, Non leggere questo Blog!

Francesco Piccinini, Agoravox

Per firmare la lettera andate qui
Tra l'altro si può aderire anche tramite Facebook andando su questa pagina
Fate girare la notizia in tutti i blog, via e-mail, forum, canali video, social network; la rete italiana è in pericolo, con una norma del 1948 quando internet non esisteva.

Grandi opere:In estate come in inverno di Jacques Prévert

In estate come in inverno

In estate come in inverno
nel fango nella polvere
sdraiato su vecchi giornali
l’uomo che ha l’acqua nelle scarpe
guarda le barche lontane.

Accanto a lui un imbecille
un signore che ne ha
tristemente pesca con la lenza

Egli non sa perché
vedendo passare una chiatta
la nostalgia lo afferra

Anch’egli vorrebbe partire
lontano lontano sull’acqua
e vivere una nuova vita
con un po’ di pancia in meno.

In estate come in inverno
nel fango nella polvere
sdraiato su vecchi giornali
l’uomo che ha l’acqua nelle scarpe
guarda le barche lontane.

Il bravo pescatore con la lenza
torna a casa senza un sol pesce

Apre una scatoletta di sardine
e poi si mette a piangere

Capisce che dovrà morire
e che non ha mai amato

Sua moglie lo compatisce
con un sorriso ironico

È una ignobile megera
una ranocchia d’acquasantiera.

In estate come in inverno
nel fango nella polvere
sdraiato su vecchi giornali
l’uomo che ha l’acqua nelle scarpe
guarda le barche lontane.

Sa bene che i battelli
son grandi topaie sul mare
e che per i bassi salari
le belle barcaiole
e i loro poveri battellieri
portano a spasso sui fiumi
una carrettata di figli
soffocati dalla miseria
in estate come in inverno
con non importa qual tempo.

Jacques Prévert

Proverbio del giorno


A chi non vuol credere sono inutili tutte le prove

Oggi gratis su Giveaway of the Day - BurnPro 5.1.1


Oggi il sito Giveaway of the Day ,offre gratis un software per masterizzare prodotto dalla MEPMedia Software .Vi ricordo sempre di leggere le condizioni e l'uso nel sito.

Note sul software dal sito Giveaway of the Day :

BurnPro è un’applicazione per la masterizzazione capace di rendere più semplici tutte le vostre attività legate alla masterizzazione. Grazie ad esso, potrete creare facilmente CD Audio, CD/DVD di dati, DVD Video, (S)Video CD, dischetti con immagini e molto altro ancora! Tutte le sue funzionalità sono accessibili tramite un semplicissimo sistema di menu, grazie al quale riuscirete a trovare tutti i comandi. Tutto quello che dovrete fare sarà cliccare, aggiungere i file e masterizzare!
Funzionalità principali:
Masterizza e aggiorna dischi di dati: Masterizza dati su nuovi dischi e aggiorna quelli pre-esistenti, aggiungendo o rimuovendo file e cartelle
Estrapola e masterizza musica: Estrapola la musica dai CD musicali e li masterizza su CD, DVD e Blu-Ray sotto forma di file MP3 o altri formati
Masterizza film su DVD o dischi di dati: Oltre ai DVD con slideshow, potrete masterizzare DVD, Video CD (VCD), Super Video CD (SVCD) e dischi di dati con video
Copia CD, DVD e Blu-ray disc: Basta inserire il disco, selezionare “Copy to image/ Burn disc from image” e sarete pronti per la copia

Sito web:Giveaway of the Day

Pagina download qui

Scambio link

 
In questa pagina saranno inseriti solo blog e siti per scambio reciproco di collegamenti. Se siete interessati; lasciate un commento sotto questo post e la descrizione del sito. Non saranno linkati siti che non rispettano il regolamento e le norme della piattaforma Blogger.


Link consigliati:

Link: http://mirkotimes.blogspot.com/

Niente Barriere

Link: http://www.nientebarriere.blogspot.com/

Descrizione:

In questo Blog troverete tante notizie utili sul mondo dei disabili, la politica, tante curiosità e anche qualche consiglio informatico che non guasta mai.
Vi ricordo che Niente Barriere è un blog contro ogni forma di discriminazione e ingiustizia, curato da Raimondo Orrù e Salvatore Falletta.

4 Sfumature della Realtà

Link: http://4sfumaturedellarealta.blogspot.com/

Descrizione:

“4 Sfumature della Realtà – liberazione mentale e potere umano.
L’orrore e le speranze del mondo attuale. Questo blog si impegna, con testi quanto più possibile esemplificativi e al libero servizio dell'umanità, ad incendiare d’entusiasmo la creatività degli uomini che vogliono fare qualcosa di davvero inconsueto: non più confondere la parola informazione con paradiso, ma creare il paradiso con cambiamenti quotidiani e organizzati per un nitido futuro. By "L'Hacker"


NewYork Blog


Link: http://www.xplorenewyork.it/blog/

Descrizione:

Blog che racconta l'America di New York e della sua gente. Lifestyle, cinema,
sport, attualità e tutto ciò che riguarda da vicino l’esclusivo mondo della
Grande Mela.

Arcana intellego

Link: http://arcanaintellego.blogspot.com

Descrizione:

Inchieste su: sviluppo sostenibile, difesa, nuove tecnologie, sport, lavoro, misteri e curiosità.


Memento Solonico

Link: http://mementosolonico.blogspot.com/

Descrizione:

Un blog generalista che parla di molti argomenti: ricette, curiosità, viaggi, informatica e tanti altri temi.


Dante Alighieri? Oggi sarebbe blogger


Link: http://ilblogdivaleal.blogspot.it/


Descrizione:

L'autore descrive il suo blog in questo modo:

"Creato  per iniziare a scrivere il mio libro dato che ho smesso di fumare "diario di un ex fumatore vers 2.0" oltre a questi post parlo di politica e/o cretinate che si vedono su twitter e di ciò che fa tendenza nel web..."



Link: http://andreainforma.blogspot.it/


Descrizione:

Questo blog vuole essere semplicemente un piccolo punto di ritrovo di corretta e libera informazione, nel vasto mondo di internet.

Lo schiaccianoci

Link: http://schiaccianoci1.blogspot.it/

Descrizione:

Ascoltare i pensieri, ritrovare i ricordi, inseguire la fantasia. Dare forma ai pensieri per mezzo della scrittura in modi diversi: rime giocose per storie e filastrocche; ricordi ritrovati sul filo del tempo e della memoria. . . e ricette della tradizione per rivivere il passato sognando il futuro.

Bardo-Lusevera-news

Link: http://bardo-lusevera-news.blogspot.it/

Descrizione:

Fatti accaduti di recente e nel tempo, curiosità, eventi culturali, turismo, gastronomia, storia, detti e proverbi della Val Torre-Benečija, personaggi importanti ecc. di questo piccolo comune del FVG(LUSEVERA) arroccato ai piedi delle montagne della catena dei Musi .
Comune appartenente alla minoranza linguistica*slovena*.

Una finestra sul mondo

Link: http://olga1212.blogspot.it/

Descrizione:

Qui troverai notizie dall'Italia e dal mondo, curiosità, medicina ecc.

Oggi in TV

Link: http://www.oggiintv.eu/

Descrizione:

Portale web che mostra la programmazione tv del giorno di quasi 40 canali nazionali.

QuestaSeraTv.it.

Link: http://www.questaseratv.it

Descrizione:

Tutta la programmazione televisiva di stasera.
 
Web - Informazione

Link: http://www.webinformazione.blogspot.it/

Descrizione:

L'Informazione a portata di click.
Il blog Web - Informazione si occupa di notizie dall'Italia e dal Mondo. Vengono segnalate e divulgate notizie tratte liberamente dal web, telegiornali, giornali, riviste etc. Inoltre vengono pubblicate riflessioni dell'autore.


Banner siti e blog amici (clicca sull'immagine qui sotto)




giovedì 22 luglio 2010

Ddl intercettazioni :Rimane l'obbligo di rettifica per i blog

Mentre ci sono state varie modifiche al famoso Ddl sulle intercettazioni ;vengono respinti gli emendamenti sull' obbligo di rettifica nei blog.Ho lanciato l'allarme un mese fa con questo post , dunque rimane l'art.1, comma 29 del ddl intercettazioni che imporrebbe ai "siti informatici" (quindi anche ai blog) l'obbligo di rettifica entro 48 ore, pena sanzioni fino a 12.500 euro.In nessun Paese "democratico "del mondo esiste una cosa simile;blog amatoriali e privati equiparati alla stampa.Bisogna modificare questa norma perché oltre a toglierci i nostri diritti d'espressione e di pensiero ,paralizza tutto il web facendoci crollare all'anno mille;ricordo questa norma vale anche per i social network.Vi invito a leggere il post del noto avvocato Guido Scorza ,esperto della rete sul suo blog.

Un altro dono da Shiri


Ho ricevuto un altro dono,come attestato d'amicizia da Shiri,che ringrazio per il pensiero con questo post.Vi rinnovo l'invito a visitare il blog dell'amica Shiri,troverete tanti post interessanti per chi ama gli animali e la natura.
Grazie mille per questo pensiero

Facebook supera i 500 milioni di utenti

Ecco un altro grande traguardo per il più usato social network del mondo."Siamo entusiasti di annunciare che abbiamo superato i 500 milioni di utenti su Facebook", queste sono state le parole ufficiali di Randi Zuckerberg,sorella del più noto Mark; fondatore del famoso "faccia da libro".Tra altri presunti fondatori e polemiche per violazioni sulla privacy,il noto social network,entra sempre più nella vita di tutti i giorni ed in queste ore per festeggiare l'evento,fa il suo esordio 'Facebook Stories';dove in soli 420 caratteri ,ognuno può raccontare la sua storia vissuta sul noto social network.

Arte:Canestra di frutta di Caravaggio

Canestra di frutta (Fiscella) è un dipinto ad olio su tela di 46 cm × 64,5 realizzato tra il 1594 e il 1597 dal pittore italiano Caravaggio. È conservato alla Pinacoteca Ambrosiana di Milano.
Il dipinto è presente nella collezione del cardinale Federico già nel 1607, probabilmente acquistato durante il suo soggiorno romano, quando potrebbe aver conosciuto personalmente il Caravaggio, ospite del cardinal Del Monte.
L’ambiente oratoriano di San Filippo Neri può essere all’origine della sua sintonia tra il pauperismo evangelico del Borromeo e il vivo naturalismo del maestro lombardo.
Recenti indagini hanno confermato che il dipinto è stato realizzato su una tela di recupero, secondo un consuetudine del periodo romano, quando il Caravaggio dipingeva direttamente su precedenti stesure pittoriche.
La critica ha oscillato per la datazione tra il 1594, proposto da Marini a Calvesi, e il 1597-1598, avanzato dal Gregori.
Il dipinto è stato donato da Federico Borromeo all'Ambrosiana nel 1607.
Il canestro sporge un po' in avanti, come se fosse in una situazione precaria: simboleggia la vanitas. I frutti sono tutti legati alla simbologia cristologica, a presagire la passione di Cristo. Le nature morte erano due: una legata al culto mariano e una legata a Cristo. È rimasta solo questa. Tuttavia la figura del cesto trova nel Cantico dei Cantici il suo modello ispiratore ed è simbolo della sposa ossia della Chiesa. Il suo sporgere in avanti verso lo spettatore è un segno di offerta di sé nei confronti dell'umanità. Bisogna ricordare che il committente era il cardinale Federico Borromeo il quale coglieva questo riferimento biblico celato ai più all'epoca.
La Canestra è il primo quadro di Caravaggio, un grande esempio di "natura morta" e del suo ritrarre dal naturale.
In questo dipinto Caravaggio realizza uno scena statica, decontestualizzata, quasi sottratta dal suo reale contesto naturale. si tratta comunque di un realismo soltanto apparente, poiché sono rappresentati insieme frutti di stagioni diverse. Era impossibile, all'epoca, vedere un soggetto simile. Manca tridimensionalità, come si evince dalla sospensione spaziale e temporale a cui è soggetta la canestra.
Il semplice cesto di vimini è rappresentato come se si trovasse in alto rispetto allo sguardo di un ipotetico spettatore, come se fosse posto su di una mensola da cui dà l'impressione di sporgere lievemente.
La scelta di questo taglio permette alla composizione di far emergere la natura morta attraverso l'uso di uno sfondo chiaro, uniforme e luminoso. La luce sembra provenire da una fonte naturale, svela le gradazioni di colore che differenziano gli acini verdi in primo piano e quelli già molto maturi nel grappolo posto dietro la mela bacata (simboleggia la caducità delle cose e il trascorrere del tempo), così creando un effetto illusionistico di tridimensionalità dell'immagine. La frutta diventa la protagonista del quadro e acquista un significato ambiguo: all'apparenza fresca e fragrante ma, facendo attenzione, comincia in realtà a marcire, a rinsecchirsi. Paragona così la brevità della giovinezza e dell'esistenza umana a quella della frutta e dei fiori.


Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Michelangelo Merisi da Caravaggio

Sono passati 400 anni dalla morte di Michelangelo Merisi detto comunamente il Caravaggio; uno dei più grandi pittori del mondo. Ecco una sua biografia tratta da Wikipedia.

Michelangelo Merisi, o, più probabilmente, Merisio, detto il Caravaggio (Milano, 29 settembre 1571 – Porto Ercole, 18 luglio 1610), è stato un pittore italiano. Attivo a Roma, Napoli, Malta e in Sicilia fra il 1593 e il 1610, è considerato il primo grande esponente della scuola barocca e uno dei più celebrati pittori del mondo.
Michelangelo Merisi detto il Caravaggio nacque a Milano il 29 settembre 1571 dai genitori Fermo Merisi e Lucia Oratori, originari di Caravaggio, un piccolo centro del Bergamasco, dove si erano sposati nel precedente gennaio. Fu battezzato il giorno dopo nella chiesa di Santo Stefano in Brolo, nel quartiere milanese dove alloggiavano le maestranze della Fabbrica del duomo delle quali faceva probabilmente parte anche il padre di Michelangelo, di mestiere mastro muratore.
Nel 1576 a causa della peste, la famiglia Merisi lascia Milano e si trasferisce a Caravaggio per sfuggire all'epidemia, ma qui muoiono il padre e i nonni del pittore. Nel 1584 la vedova e i suoi quattro figli tornano a Milano dove il tredicenne Michelangelo viene accolto nella bottega di Simone Peterzano, pittore di successo, tardomanierista di scuola veneta: «il contratto di apprendistato lo firma la madre, il 6 aprile 1584: per poco più di quaranta scudi d'oro [...] Va dietro il maestro ad affrescare, nella chiesa di San Maurizio al Monastero Maggiore, in quella di San Barnaba».L'apprendistato del giovane pittore si protrasse per circa quattro anni, durante i quali apprese la lezione dei maestri della scuola lombarda e veneta. Giulio Mancini, uno dei suoi biografi, nelle "Considerazioni sulla pittura" del 1621, racconta dell'infanzia di Caravaggio, sottolineando il forte carattere dell'artista già in quei primi anni: «Studiò in fanciullezza per quattro o cinque anni in Milano, con diligenza ancorché di quando in quando, facesse qualche stravaganza causata da quel calore e spirito così grande». Il 6 aprile 1588 scadeva il contratto con il suo maestro; il giovane pittore probabilmente in quegli anni abbandonò Milano per trasferirsi a Venezia, e conoscere da vicino l'opera dei grandi maestri del colore, Giorgione, Tiziano e Tintoretto.In ogni caso, al di là della certa frequentazione della bottega del Peterzano, il seguito dell’apprendistato di Caravaggio e in particolare gli anni che vanno dal 1588 al 1592, resta piuttosto nebuloso e così l'individuazione delle fonti che hanno influenzato la sua pittura. Secondo il Longhi – in alternativa alla tesi “veneta” – di capitale importanza per lo sviluppo del futuro stile di Caravaggio sarebbe stata la riflessione giovanile sull’opera di alcuni maestri lombardi, soprattutto di area bresciana, quali il Foppa, il Bergognone, Savaoldo, Moretto e Il Romanino (che il Longhi definisce precaravaggeschi), maestri che avrebbero posto le basi di quelli che saranno i capisaldi dell’arte del Merisi. A questa scuola, il cui capostipite è individuato dal Longhi nel Foppa, si dovrebbero infatti l’avvio della rivoluzione luministica e la caratterizzazione naturalistica (contrapposta a certa aulicità rinascimentale) dei soggetti dipinti. Elementi centrali della pittura del Caravaggio.Nel 1592 Caravaggio si trasferisce a Roma e ha rapporti, più o meno fugaci, con diversi pittori locali. Prima presso un non meglio identificato pittore siciliano, autore di opere grossolane destinate alle fasce più modeste del mercato, poi ha un breve sodalizio con Antiveduto Gramatica e, infine, frequenta per alcuni mesi la bottega del Cavalier d'Arpino. Successivamente per una malattia viene ricoverato presso l'Ospedale della Consolazione e a causa di questo evento interrompe il rapporto con il Cesari. Durante queste esperienze probabilmente Caravaggio venne impiegato come esecutore di nature morte e come realizzatore di parti decorative di opere più complesse, ma in merito non si ha nessuna testimonianza certa. Un'ipotesi, priva in ogni caso di riscontro documentale, è che Caravaggio possa aver realizzato i festoni decorativi della Capella Olgiati, nella Basilica di Santa Prassede a Roma, cappella affrescata dal Cavalier d’Arpino.

Continua la lettura su...Wikipedia, l'enciclopedia libera

Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Citazione del giorno


"La cosa più importante nella vita è amare qualcuno. La seconda cosa più importante nella vita è avere qualcuno che ti ami. La terza cosa più importante è che le prime due accadano in contemporanea."

Howie Schneider

mercoledì 21 luglio 2010

Grandi opere:Vastità di pini di Pablo Neruda



Vastità di pini

Ah vastità di pini, rumore di onde che si frangono,
lento gioco di luci, campana solitaria,
crepuscolo cadente dei tuoi occhi, battito,
conchiglia terrestre, in te la terra canta.

In te cantano i fiumi e là fugge l'anima mia
verso dove ami, secondo il tuo volere.
Indica a me la via nel tuo arco di speranza
e scioglierò in delirio il mio fascio di dardi.

La tua cintura di nebbia vedo intorno a me
e il tuo silenzio insegue le mie ore in fuga,
e sei tu con le braccia di pietra trasparente
quella dove si ancorano i miei baci e la mia
umida ansia s'annida.

Ah la tua voce misteriosa che l'amore colora e piega
nell'imbrunire risonante e morente!
Così nelle ore profonde sopra i campi
vidi piegarsi le spighe nalla bocca del vento.

Pablo Neruda

Proverbio del giorno


Non tutte le volte che si vedono i denti si deve aver paura dei morsi.

Grazie Pixia



Ho ricevuto un altro dono in segno d'amicizia da Pixiablog , che ringrazio pubblicamente con questo post.Come per gli altri condivido con voi tutti questo dono.
Vi invito a visitare l'amica Pixia ed il suo blog,amante degli animali con tanti post interessanti .
Troverete una persona gentile che vi aspetta ,vi lascio il link qui sotto:
http://pixiablog.blogspot.com/

Grazie ancora per questo dono d'amicizia.



martedì 20 luglio 2010

Racconti:La leggenda delle mandorle di Sara Rodolao

Premessa:

Oggi voglio presentare e farvi conoscere uno splendido racconto scritto da Sara Rodolao ;poetessa e scrittrice imperiese,autrice di molti romanzi e poesie , vincitrice di importanti riconoscimenti.Invito a leggere anche il suo blog che troverete qui.
Ringrazio Sara per avermi dato l'onore ,di pubblicare un suo racconto nel mio blog.

La leggenda delle mandorle

…Molto tempo fa c’era una nobile fanciulla di rara bellezza che fu costretta ad avventurarsi nell’immensità del mare con un gruppo di marinai fidati, per sfuggire alla collera di un vecchio gentiluomo che voleva prenderla in sposa e non accettava di essere stato rifiutato dalla fanciulla. Portava con sé un piccolo tesoro: pianticelle di mandorli, e sacchi colmi dello stesso frutto che le piante adulte producevano d’estate: in quel tempo i mandorli erano considerati alberi benedetti dagli dei, sui suoi ramoscelli sbocciavano fiori candidi che mutavano in piccoli frutti la cui dolcezza metteva pace tra cielo e terra. Navigarono per molto tempo e scampando alle burrasche, approdarono su un’isola meravigliosa, ricca di colori e di profumi. La fanciulla fu accolta con calore dagli isolani che la ricoprirono di doni,la fanciulla per ripagare dell’ospitalità, aveva donato in cambio agli isolani le pianticelle dei mandorli a loro sconosciute e i sacchi traboccanti dei frutti che producevano: le mandorle. Gli abitanti dell’isola trovarono quel regalo molto prezioso e piantarono subito gli alberelli nella loro valle, tra i solchi di quella terra fertile e assolata, aspettando con ansia la primavera, per vedere il prodigio di cui parlava la fanciulla arrivata dal mare. Le pianticelle attecchirono e qualche anno dopo sui rami cominciarono a sbocciare fiori bianchi e rosati dal profumo intenso che, quasi per magia, d’estate si trasformavano in piccoli frutti che sotto la durezza del guscio celavano un’anima tenera e dolce. I mandorli fiorivano in gennaio, quando nella valle gli altri alberi da frutto battevano ancora i denti per il freddo nei campi irrorati dalla brina, annunciando molto in anticipo l’arrivo della primavera: quel luogo ancora oggi è conosciuto come la Valle dei Mandorli. Fu così che si diffusero in altre terre vicine e lontane, annunciate dalla reputazione di frutti ricchi e pregiati: si narrava che le mandorle fossero magiche e nel segreto dei loro gusci si nascondessero doni da fare meraviglia ai regnanti... Per questo le mandorle furono destinate ad abitare nel cuore dei confetti, addolcendo gli eventi gioiosi degli esseri umani…

Sara Rodolao

Autore post ed opera:Sara Rodolao

Link blog:Il resto della tela

Segnalazione inviata da:Sara Rodolao

Grazie Sa_&_sa e Ros

Ho ricevuto questo premio Dardos anche da altre 2 amiche del mio blog che ringrazio pubblicamente con questo post.Ora come tutti i premi e doni che ricevo condivido anche questo con voi,potete prelevarlo e inserirlo nei vostri blog.
Vi voglio parlare dei due blog che mi hanno premiato;il primo è Sa_&_sa ,ho conosciuto questo blog da poco e potete trovare molti argomenti sul mondo dei nostri amici a 4 zampe,veramente interessante e merita una visita.
Il secondo è il blog di Ros;blog ricco per gli amanti dei bijou e non,con splendide creazioni;anche qui una visita non sarebbe male.

Ringrazio ancora le 2 amiche e mi raccomando visitate i loro blog.

lunedì 19 luglio 2010

Vi ricordo Segnala e condividi;pubblicare i tuoi post nel mio blog

₪ Cobija: Corporativa al atardecer - Flickr Meeting at Tusk ₪



Ricordo a tutti i miei amici e visitatori,che posso pubblicare nel mio blog anche post altrui.Il web è condivisione,dunque il mio blog rimane disponibile per pubblicazioni di post,tutorial,ricette,poesie,iniziative sociali e tanto altro;per saperne di più andate qui.Inoltre pubblicherò sempre link e autore nel rispetto di chi impegna tempo e risorse.In vista di Settembre,ci sarà molto spazio alle licenze Creative Commons e con relativi post di condivisione ,per informazioni su queste licenze andate qui.


Photo credit ►Voj► caricata su Flickr



Citazione del giorno


"C'è uno spettacolo più grandioso del mare, ed è il cielo, c'è uno spettacolo più grandioso del cielo, ed è l'interno di un'anima. "

Victor Hugo

domenica 18 luglio 2010

Racconti:I semi (racconto Zen)



I semi

Un grande re aveva tre figli, e voleva sceglierne uno come erede. Era in difficoltà perché tutti e tre erano molto intelligenti, molto coraggiosi. Ed erano gemelli. Avevano la stessa età, per cui era impossibile scegliere. Per cui, il re decise di chiedere consiglio a un saggio, e il saggio gli suggerì un'idea.
Il re tornò a casa e chiamò i tre figli. Diede a ognuno di loro un sacchetto di semi di fiori, e disse che sarebbe partito per un pellegrinaggio: "Starò via qualche anno - uno, due, tre anni, forse di più. E per voi questa è una prova... quando tornerò mi dovrete ridare questi semi. E chi li proteggerà meglio, sarà il mio erede." Poi partì per il suo pellegrinaggio.
Il primo figlio pensò: "Cosa dovrei fare con questi semi?" Li chiuse in uno scrigno di ferro così, quando suo padre fosse tornato, li avrebbe restituiti così com'erano.
Il secondo figlio pensò: "Se li rinchiudo come ha fatto mio fratello, moriranno. E un seme morto non è affatto un seme." Per cui andò al mercato, vendette i semi e conservò il denaro. Pensò: "Quando mio padre tornerà, andrò al mercato, comprerò dei semi nuovi e gliene ridarò di migliori..." Il terzo andò in un giardino e li seminò.
Dopo tre anni, quando tornò il re, il primo figlio aprì lo scrigno. I semi erano tutti morti, puzzavano. Il padre disse: "Cosa? Questi sono forse i semi che ti ho dato? Avevano la possibilità di fiorire e donare fragranza alla vita - e questi semi puzzano! Questi non sono i miei semi." Il figlio insistette nel dire che erano gli stessi semi, e il padre concluse: "Sei un materialista."
Il secondo figlio si precipitò al mercato, comprò dei semi, tornò a casa e li diede a suo padre. Il re disse: "Ma questi non sono gli stessi semi. La tua idea è migliore di quella di tuo fratello, ma non sei ancora abile come io vorrei che tu fossi. Sei uno psicologo."
Quando andò dal terzo - con molta speranza e trepidazione: "Che cosa avrà fatto?" si chiedeva - il figlio lo condusse in giardino dove c'erano milioni di piante fiorite, e milioni di fiori! Il figlio disse: "Questi sono i semi che mi hai dato. Appena le piante saranno adulte, li raccoglierò e te li restituirò."
Il re disse: "Tu sei il mio erede. Ecco cosa bisogna fare con i semi!"

A volte ritornano...(vecchi post riproposti):Gattopoli.it,il posto giusto per gli amanti dei gatti

Oggi voglio parlarvi di un sito veramente interessante per tutti gli amici che condividono la grande passione per i gatti.Gattopoli.it è un sito, dove si possono trovare tutte le notizie di questi simpatici amici a 4 zampe.Inoltre questo sito tra l'altro ha un grande scopo sociale; infatti permette anche di inserire foto di gatti smarriti oppure quelli che cercano casa.Veramente un posto favoloso per gli amanti dei gatti creato da volontarie che hanno la passione per i nostri piccoli felini.Visitate e sostenete questo sito,non vi pentirete.



Link:http://www.gattopoli.it/


Link post originale pubblicato il 19 marzo 2010 qui

sabato 17 luglio 2010

venerdì 16 luglio 2010

Basta con l'abbandono degli animali

Ogni anno in Italia vengono abbandonati in Italia oltre 150.000 animali e l'80% muore in incidenti stradali.In Italia l'abbandono è vietato ai sensi dell'art. 727 del codice penale, che al primo comma recita: "Chiunque abbandona animali domestici o che abbiano acquisito abitudini della cattività è punito con l'arresto fino ad un anno o con l'ammenda da 1.000 a 10.000 euro".

I nostri amici a 4 zampe non sono giocattoli;ma creature viventi che regalano amore senza chiedere nulla in cambio.Anche se le pene contro chi abbandona animali sono aumentate ,manca la cultura del rispetto per la natura e le sue creature.Troppi essere umani hanno il cuore di pietra ,come si fa ad abbandonare un membro acquisito della propria famiglia?Tra l'altro esistono strutture in Italia anche alberghi,campeggi ecc, che ospitano benissimo i nostri amici a 4 zampe,basta cercare cliccate qui .Vi lascio con una citazione che fa riflettere e qualunque iniziativa per la difesa della natura e delle sue creature, avrà sempre casa in questo blog.

"L'uomo deve mostrare bontà di cuore già verso gli animali, perché chi usa essere crudele verso di essi è altrettanto insensibile verso gli uomini"

(Immanuel Kant)

Credits video:clodmari

Link utili:

Tutti i posti per andare in vacanza con i nostri amici su http://www.vacanzebestiali.org/

Per maggiori informazioni:Enpa

Mare di Giovanni Pascoli



Mare
M’affaccio alla finestra, e vedo il mare:
vanno le stelle, tremolano l’onde.
Vedo stelle passare, onde passare:
un guizzo chiama, un palpito risponde.

Ecco sospira l’acqua, alita il vento:
sul mare è apparso un bel ponte d’argento.

Ponte gettato sui laghi sereni,
per chi dunque sei fatto e dove meni?

Giovanni Pascoli

Citazione del giorno


"Ognuno di noi ha un paio di ali, ma solo chi sogna impara a volare."

Jim Morrison

giovedì 15 luglio 2010

Pulsanti di condivisione su Blogger

Come avete notato da qualche settimana,hanno fatto l'esordio nella piattaforma Blogger nuovi pulsanti per la condivisione.I pulsanti sono attivabili dalla bacheca e consente ai lettori di ogni blog di condividere i tuoi post attraverso vari social network,blogger e via email.Per adesso si possono condividere i post, solo su alcuni social network(sono i più famosi);ma sono in arrivo anche altri nuovi pulsanti .


Ecco il procedimento per inserirli nei vostri post:




Andate su design nella bacheca dei vostri blog,poi cliccate su modifica nella voce post sul blog(vedi immagine)
Fatto questo ,si aprirà una nuova pagina (configura post sul blog),cercate la voce mostra i pulsanti per la condivisione (vedi immagine),mettere un segno di spunta nella casella e cliccate su salva.



Questo procedimento riguarda i template ufficiali,per altri template personalizzati vi invito a leggere qui

Fonte:Blogger Buzz-Italiano

Grazie Shiri

Devo ringraziare pubblicamente l'amica Shiri per questo premio Dardos.Condivido questo premio come per tutti gli altri ,con tutti voi amici e lettori.
Vi voglio presentare per l'occasione,il blog dell'amica Shiri ;una persona amante degli animali ,che dedica il suo tempo al sostegno di chi ha più bisogno;lavorando come assistente ai disabili.
Nel suo blog troverete molti post dedicati agli animali,con varie tematiche anche sociali.Vi consiglio di visitare questo blog,troverete una persona veramente gentile ed inoltre ci sono post veramente interessanti.

Google celebra il 125 anniversario della nascita di Josef Frank

Oggi Google celebra l’architetto austro-svedese Josef Frank.In occasione del suo 125° anniversario di nascita gli dedica un logotipo speciale.

Ecco una breve biografia tratta da Wikipedia:

Josef Frank (Baden bei Wien, 15 luglio 1885 – Stoccolma, 8 gennaio 1967) è stato un architetto austriaco, di origine ebraica.
Lavorò con Oskar Strand e fu legato al Circolo di Vienna.
Nel 1933 si trasferì in Svezia, dove lavorò per la società di progettazione Svenskt Tenn producendo numerosi oggetti di design fino alla morte. Nel 1965 vinse il Gran premio di stato austriaco per l'architettura. La sua attività ispirò IKEA e H&M.


Questo articolo è pubblicato nei termini della GNU Free Documentation License. Esso utilizza materiale tratto da Wikipedia, l'enciclopedia libera

Oggi gratis su Giveaway of the Day - Paragon Partition Manager 11SE Personal



Oggi il sito Giveaway of the Day ,offre gratis un top software della Paragon ,per la gestione degli hard disk e delle partizioni.Vi ricordo sempre di leggere le condizioni e l'uso nel sito.

Note sul software dal sito Giveaway of the Day :

Diffidate dalle imitazioni! Gli strumenti avanzati per il partizionamento di Paragon Software vi aiuteranno a controllare e gestire ogni aspetto del vostro hard disks!
Con l’aumentare delle capacità degli hard disk, la possibilità di dividere lo spazio di questi ultimi in maniera intelligente è diventata più importante che mai. Questa soluzione per il partizionamento è estremamente facile da usare ed è l’ideale per ristrutturare il vostro hard disk per una conservazione ottimale dei dati.


Crea, Formatta e Cancella Partizioni. Potrete creare, formattare e cancellare qualsiasi partizione formattata con tutti i principali file system.
Crea Partizioni Rapidamente. Create una nuova partizione nel posto più appropriato dell’hard disk, formattarlo in NTFS e renderlo accessibile dal sistema.
Sposta/Ridimensiona le Partizioni. Potrete ridimensionare e/o spostare le partizioni dell’hard disk.
Ridimensionamento Partizioni Rapido. Aumenta lo spazio libero su una partizione sfruttando lo spazio inutilizzato di una partizione adiacente (incluse le partizioni di Apple Boot Camp).
Per maggiori dettagli, consultate il sito Internet di Partition Manager 11 Personal.

Sito web:Giveaway of the Day

Pagina download qui

martedì 13 luglio 2010

L'Onu interviene sul ddl intercettazioni

Anche l'Onu si espressa in maniera negativa sul ddl intercettazioni,consigliando al governo di abolirla o modificarla.Si prospetta un possibile "sopralluogo nel 2011 per esaminare la situazione della libertà di stampa e il diritto di espressione in Italia".Secondo Frank La Rue, esperto in libertà d'espressione delle Nazioni Unite,questa legge "potrebbe impedire ai giornalisti di fare giornalismo investigativo in campi di interesse pubblico, come la corruzione, data l'eccessiva durata dei processi in Italia" e "minare l'esercizio del diritto di libertà d'espressione in Italia".
Dunque come da molti parti palesato questa legge lede i diritti umani e la Convenzione firmata anche dall'Italia.
Leggi l'articolo su...in-dies

Pubblicato sotto licenza Licenza Creative Commons
Questo/a opera è pubblicato sotto una Licenza Creative Commons.

Le mie considerazioni:

Non si può violare il sacrosanto diritto d'espressione di ogni essere umano,addirittura vogliono rettifiche anche nei blog amatoriali;ma scherziamo?Possibile che qui in Italia un onesto cittadino che paga regolarmente le tasse,non può neanche esprimere una propria opinione ?Qualcuno si dimentica i concetti base di democrazia e quelli della Costituzione,speriamo che si ritorni al dialogo e non si toccano più i principi base per definirsi stato "democratico",privarne vuol dire dittatura senza trovare alibi.

Fonte:in-dies.info